Sanità, scandalo al Ruggi di Salerno: chiedevano soldi per operare, arrestati 4 medici

ospedale ruggi salernoSalerno – Uno scandalo nell’ambito della Sanità è stato scoperto a Salerno, all’ospedale Ruggi, dove i carabinieri hanno arrestato quattro medici ritenuti responsabili a vario titolo di concussione. Si tratta Luciano Brigante, primario di neurochirurgia, Renato Saponiero, il luminare giapponese Takanori Fukushima e Gaetano Liberti, un altro neurochirurgo che lavorava in una clinica specialistica di Pisa.

Il giro di mazzette era stato scoperto quasi un anno fa, nel maggio del 2015, dopo una denuncia fatta dal figlio di una paziente operata e poi morta. La notizia subito rimbalzò sui quotidiani creando un vero e proprio terremoto all’ospedale Ruggi. Gli inquirenti hanno ricostruito la prassi messa in atto dai medici: ai pazienti malati di tumore, dopo avergli fatto fare un andirivieni tra le strutture di Salerno e Pisa, venivano chieste ingenti quantità di denaro per saltare la lista di attesa ed essere operati da chi era considerato uno dei migliori neurochirurghi al mondo.

Potrebbe anche interessarti