Sigilli nel Parco Nazionale del Vesuvio

E’ stato condannato a undici anni, un mese e diDenunciato il responsabile, proprietario dell’appezzamento di terreno ed esecutore dei lavori, il quale dovrà provvedere al ripristino dello stato dei luoghi CTA Parco Nazionale del Vesuvio. Abusivismo edilizio e conseguente livellamento di una vasta area coperta da macchia mediterranea, all’interno del Parco Nazionale del Vesuvio. Di questo dovrà rispondere il 40enne, proprietario dell’appezzamento ed esecutore dei lavori, denunciato alla Procura della Repubblica di Napoli dagli agenti del Comando Stazione di Torre del Greco (NA) del Corpo forestale dello Stato. L’operazione è scattata in località Montedoro, nel comune di Ercolano (NA), durante l’espletamento di servizi di sorveglianza di un territorio di notevole pregio sia culturale che ambientale. All’arrivo degli agenti diversi operai, impegnati nei lavori insieme al proprietario, si sono dileguati nei fondi limitrofi facendo perdere le loro tracce.

I Forestali hanno potuto constatare che i lavori erano stati avviati in assenza delle autorizzazioni necessarie. Pertanto è scattato il sequestro dell’intera area di circa 2.500 metri quadrati di estensione, dei mezzi meccanici utilizzati nel cantiere e delle opere abusive realizzate. Si trattava di muri in cemento e pietra posti ai lati del fondo. Per ottenere il livellamento e il terrazzamento della zona era stato effettuato un taglio eccessivo di piante (in prevalenza arbusti di lentisco e ginestra) e ciò ha destato massimo allarme per i Forestali dal momento che il sito è soggetto ad elevato rischio di frana e il disboscamento avrebbe potuto compromettere gravemente la stabilità del versante.

Sono diversi i vincoli violati, infatti la zona dell’abuso è sottoposta a vincolo idrogeologico e paesaggistico- ambientale, è considerata Sito d’Importanza Comunitaria (SIC) e Zona di Protezione Speciale (ZPS) dalle normative comunitarie in tema d’ambiente, è inclusa nei confini del Parco nazionale, è considerata dalle normative regionali “zona rossa” per il rischio legato all’attività eruttiva del vulcano ed è anche zona sismica, è inclusa nel Piano Territoriale Paesistico dei Comuni Vesuviani e, infine, è tutelata anche dal Codice dei beni culturali e del paesaggio.

Il responsabile dell’illecito, oltre alla denuncia, ha ricevuto una sanzione di circa 350 euro e la disposizione obbligatoria di ripristino dello stato dei luoghiotrecase: un business scoperto e smantellato dai carabinieri della compagnia di Torre Annunziata al termine di un’operazione finalizzata al contrasto dello spaccio di droga nell’area boschese.

Fonte: Dettochiaroetondo.net

Potrebbe anche interessarti

0 comments

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più