Il Movimento Neoborbonico chiede risarcimento per i cori contro i napoletani

Napoli colera coriIeri abbiamo assistito all’ennesimo becero spettacolo che ha visto come protagonisti i tifosi della Sampdoria. Già nel primo tempo, infatti, sono stati ripetuti a gran voce i cori di discriminazione territoriale piovuti dalle gradinate dello stadio Ferraris e rivolti ai tifosi del Calcio Napoli e più in generale ai napoletani. Ma, se determinati organi continuano ad ignorare queste scene, c’è chi ha deciso di prendere provvedimenti richiedendo un risarcimento per danni morali. Parliamo infatti del Movimento Neoborbonico, di seguito il comunicato stampa fatto girare in queste ore.

L’ufficio legale del Movimento Neoborbonico sta raccogliendo gli atti per procedere ad una richiesta di risarcimento per i danni morali subiti dai tifosi napoletani presenti allo stadio Marassi di Genova durante la partita Sampdoria-Napoli. Come evidenziato da numerose riprese televisive, infatti, per circa 20 minuti e senza interventi dei responsabili della Lega Calcio e della Societa’ blucerchiata, i “tifosi” doriani hanno definito i napoletani “colerosi, terremotati, fogna, sporchi, non degni di stare in Italia augurandosi la loro morte”. Importante il precedente con esito positivo e conseguente risarcimento a carico della societa’ dell’Inter punita per responsabilita’ oggettiva per episodi analoghi (I sez. Tribunale di Napoli, 2008). Dopo un dibattito che per giorni ha mobilitato media nazionali e autorita’ sportive sul famoso caso Sarri-Mancini, nessuno si e’ indignato per l’ennesimo caso di (vero) razzismo anti-napoletano. Cori con quei contenuti, del tutto privi di ironia e offensivi verso una intera popolazione, sono ormai colpevolmente tollerati dalle autorita’ sportive ed e’ giusto che i tifosi inizino ad essere tutelati in altre sedi. Gli eventuali risarcimenti saranno utilizzati per regalare palloni e altre attrezzature sportive alle scuole della periferia di Napoli.

Potrebbe anche interessarti