Da Campania Felix a terra da abbandonare: emigrazione alle stelle, 6 paesi spariranno

Origine del nome Campania - Terra di LavoroNegli ultimi 16 anni 1 milione e 833mila persone hanno lasciato il Sud, di cui la metà giovani tra i 18 e i 35 anni. Questi i dati diffusi da Svimez, di cui vi abbiamo parlato qualche tempo fa, che evidenziano una vera e propria emergenza: il Mezzogiorno si sta svuotando, dunque sta morendo. La disoccupazione è alle stelle, con 310mila posti di lavoro andati in fumo tra 2008 e 2017.

L’emigrazione non si ferma neanche in Campania. La nostra regione ha perso 7mila residenti solo nel 2017, partiti per cercare lavoro in altre terre, soprattutto nel Nord Italia e all’estero. Si tratta spesso di giovani o di neo pensionati, attratti da un fisco più favorevole fuori dai confini nazionali.

Quello dello svuotamento, purtroppo, non è soltanto uno spauracchio. Secondo uno studio riportato dal Corriere del Mozzogiorno, sei comuni della Campania rischiano di scomparire: si tratta di Castelnuovo di Conza, Gallo Matese, Santomenna, Cairano, Castelvetere in Val Fortore, Conza della Campania.

Si tratta sì di paesi molto piccoli, con qualche centinaio di abitanti, ma che d’altra parte sono riusciti a sopravvivere fino ad oggi. Che la loro scomparsa sia prospettata proprio nel nostro periodo storico non è casuale, non è un fattore da sottovalutare.

Proprio la mentalità alla “Dio ci pensa” ha portato a questi disastrosi risultati sulla vita sociale, economica e culturale di una terra, il Mezzogiorno, che è stato sempre punto di arrivo di genti da ogni parte del Mediterraneo. Una terra bella, accogliente, fertile, ricca. È un paradosso che si stia svuotando, il fallimento di un’Italia che non è mai riuscita a dare al Sud la dimensione che a esso spetta.

Il Meridione, infatti, per decenni è stato un bacino di manodopera a basso costo, oltre che di carne da macello da impiegare in due guerre mondiali. L’emigrazione verso il Nord Italia, il Nord Europa e le Americhe ha flagellato quella che una volta era la Magna Grecia, un motore di civilizzazione per il mondo intero.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più