Neoborbonici denunciano Feltri: “Affermazioni gravi, soprattutto in un periodo così drammatico”

vittorio feltriIl Movimento Neoborbonico e il Movimento per il Nuovo Sud denunciano Vittorio Feltri per istigazione all’odio razziale dopo le sue vergognose dichiarazioni sui meridionali che, a detta sua, sarebbero “inferiori”. È stato, quindi, presentato alla Procura di Napoli un esposto-querela contro Feltri dopo le sue dichiarazioni “razziste” nel corso della puntata del 21 aprile della trasmissione “Fuori dal coro” condotta da Mario Giordano e in onda su Rete4.
Le parole di Vittorio Feltri, inoltre, hanno già avuto modo di scatenare la reazione del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, e fatto aprire un procedimento disciplinare segnalato direttamente all’Ordine dei Giornalisti della Lombardia. 
Per Vittorio Feltri, infatti, i meridionali, nei confronti della Lombardia, proverebbero “invidia e rabbia perché subiscono una sorta di complesso di inferiorità: io non credo ai complessi di inferiorità, credo che i meridionali in molti casi siano inferiori”. Del tutto inadeguati, per di più, i commenti ironici del conduttore Mario Giordano preoccupato dal fatto che i meridionali avrebbero potuto “cambiare canale”.
Anche qualche giorno fa, come si legge nella querela, lo stesso Feltri, su Libero Quotidiano del 19 aprile, aveva usato espressioni intollerabili riferendosi alla gente del Nord abituata a lavorare e a quella del Sud abituata a “suonare i mandolini” addirittura con una sorta di minaccia (“datevi una regolata o farete una brutta fine, per altro meritata”).
Si tratta, quindi, di possibili reati gravi quali istigazione alla violenza o propaganda di idee fondate sulla superiorità o sull’odio razziale o etnico. L’atteggiamento, reiterato, del giornalista lombardo è tanto più grave se riferito ad un momento così drammatico come quello che l’Italia da Nord a Sud sta vivendo e per giunta su reti nazionali e commerciali con milioni di telespettatori e migliaia di persone che, giustamente, in queste ore stanno protestando sui social e contro gli sponsor della trasmissione in oggetto.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più