Natale senza soldi per i lavoratori in cassa integrazione: niente assegno da settembre

lavoratori scavi pompei cassa integrazioneSarà un Natale senza soldi per i lavoratori storici delle biglietterie degli Scavi di Pompei ed Ercolano. Questa mattina una delegazione di iscritti al sindacato Cobas Lavoro Privato, che si occupano anche delle fasi di accoglienza e controllo, si sono recati in presidio davanti alla sede Inps di Napoli per protestare contro i ritardi clamorosi nell’erogazione degli assegni di cassa integrazione.

I lavoratori attendono ancora le spettanze relative ai mesi di settembre, ottobre, novembre e dicembre, ben quattro mesi in cui non hanno visto un solo euro. Si tratta di persone con famiglie, figli, che nel corso degli ultimi venti anni hanno assicurato un guadagno per lo stato di diversi miliardi di euro, considerato un flusso di 4 milioni di visitatori all’anno.

Luigi Napolitano, rappresentante sindacale del Cobas Lavoro Privato, annuncia che non sarà l’ultimo atto di questa protesta. I manifestanti sono pronti per recarsi a Roma, davanti alla sede del Mibact, per chiedere al ministro Franceschini: “Noi chiediamo una volta per tutte l’internalizzazione. Facciamo un appello a Franceschi affinché stabilisca un criterio di giustizia: sono venti anni che gestiamo flussi turistici solo per gli Scavi di Pompei di 4 milioni di visitatori all’anno. Abbiamo fatto guadagnare allo Stato e alle imprese miliardi di euro. Abbiamo dato l’anima per gli Scavi di Pompei, a 40 gradi all’ombra in estate e sotto zero in inverno. Al prossimo presidio andiamo sotto al ministero da Franceschini, mettiamo le tende”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più