“Federico Moccia invita a inquinare il mare di Capri”

Federico Moccia

Federico Moccia, lo scrittore romano famoso soprattutto per le sue fatiche “letterarie” da cui ha poi ricavato dei lungometraggi, domani, Venerdì 18 Luglio, sarà protagonista dell’evento  “Scusa ma parliamo d’amore, io e te tre metri sopra il mare”, con il quale pubblicizzerà la propria impresa commerciale. Prevista l’inaugurazione di un pontile dedicato agli innamorati, che lì poseranno un lucchetto come i protagonisti di una sua opera, comportamento poi ripreso da tanti adolescenti che hanno ricoperto lo storico Ponte Milvio di Roma con l’ammasso di metallo dei lucchetti. Se a Roma le chiavi dei lucchetti vengono gettate nel Tevere, per quanto riguarda Capri toccherà al mare della Grotta Azzurra, nei cui pressi sorge il pontile, un’area marina protetta.

Legambiente Capri allora ha manifestato il proprio dissenso:

“Lo scrittore Federico Moccia invita a gettare chiavi nelle acque cristalline di Capri per fare pubblicità a una sua impresa commerciale: un vero scivolone di stile ed educazione. L’invito a riempire una ringhiera accanto al mare della Grotta Azzurra e poi gettare le chiavi a mare per evocare “Tre metri sopra il cielo”, Federico Moccia se lo poteva assolutamente risparmiare. Forse dovrebbe imparare, quando arriverà a Capri, che i nostri fondali, compresi quelli della Grotta Azzurra e di Gradola dove lui invita all’inquinamento, sono dichiarati dall’Unione Europea Zone di Protezione Speciale per la loro qualità ambientale“.

Potrebbe anche interessarti