Disagi per anziani e fragili alla Mostra. Mancano sedie: “Portatele da casa”

mostra fragili

Napoli – La Campania procede spedita per la campagna vaccinale. Oggi pomeriggio alla Mostra d’Oltremare è il turno dei richiami dei pazienti fragili e disabili. Ma che qualcosa non vada è da subito evidente nelle urla che si sentono all’ingresso tra le guardie giurate e alcuni anziani in attesa in fila (priva di distanze). “La signora non riesce a stare in piedi, serve una sedia”, spiega l’accompagnatrice di una anziana signora. Eloquente la risposta dell’agente: Non ne abbiamo, se la porti da casa e si metta in fila.

Richiami alla Mostra d’Oltremare tra furbetti e problemi organizzativi per fragili e anziani

Dopo un po’ di fila, la signora varca il primo cancello d’ingresso ma dentro l’aspetta un’altra fila, dove anche qui tutti sono ammassati e vicini. C’è qualcuno che prova a fare il furbetto e a saltare la coda e subito si scatena il panico. Urla si sentono anche all’ingresso dove una poliziotta spiega che qualcuno le ha quasi messo le mani addosso e andava arrestato.

La situazione non migliora dentro dove proseguono le file degli anziani sempre alla ricerca di sedie. Un disabile non riesce a trattenersi e urina su una di queste. Le altre sedie sono merce preziosa che va letteralmente a ruba. Dopo minuti finalmente alla terza fila una guardia giurata invita le persone a creare due file e mantenere la distanza. La situazione sembra migliorare all’accettazione dove senza anamnesi (già compilata con la prima dose) le operazioni vanno spedite (il vaccino è infatti Pfizer e non bisogna discutere per vedere quale avere).

La fila invece per la vaccinazione è pressoché assente segno che l’organizzazione all’ingresso non funziona bene. È evidente che pazienti fragili e anziani vanno gestiti diversamente magari con orari di convocazione più distanziati dato le procedure più lente e soprattutto con maggior distanza tra una persona e un’altra. La sala d’attesa, con sedie, è infatti piena di gente. Forse sono proprio le sedie a mancare nelle file che rispetto alle settimane precedenti sono molto più veloci. Un’organizzazione ormai tarata che può essere migliorata per evitare disagi alle categorie che più vanno protette.

Potrebbe anche interessarti