Padova-Avellino, razzismo sugli spalti: “Terùn e terremotati”, ma nessuno si indigna

padova avellino
Screen Video Prima Tivvù

Domenica sera è andato in scena il primo atto della semifinale playoff tra Padova e Avellino. Il risultato finale è stato un combattutissimo 1 a 1 – domani si giocherà il ritorno ad Avellino – ma quello che purtroppo è rimasto più impresso sono i cori dei soliti tifosetti del nord (non facciamo ovviamente di tutta l’erba un fascio).

Dagli spalti dello “Stadio Euganeo”  – da inizio giugno gli stadi possono di nuovo accogliere 1000 spettatori – si è alzato il solito coro razzista nei confronti dei meridionali, un “Terùn terùn” e il solito appellativo di terremotati. Quello che ci chiediamo è se mai questa problematica verrà risolta, quando questi tifosi smetteranno di insultare i meridionali ed inizieranno a pensare un po’ di più alle loro squadre.

Un episodio che però non è stato sottolineato abbastanza dalle testate giornalistiche – se non quelle di Avellino – ma che ha voluto sottolineare il DS bianco verde Salvatore Di Somma ai microfono di TuttoC.com. “Mi duole constatare che nessuno ha rimarcato l’atteggiamento bruttissimo dei tifosi del Padova: siamo nel 2021 e sentiamo ancora termini come ‘terroni’ e ‘terremotati’. Ci squalificano per una presunta bestemmia, poi tacciono rispetto a queste vergognose discriminazioni. Dopo un anno e mezzo riaprono gli stadi e cosa fanno? Non incitano la squadra per offendere i meridionali? Veramente una pagina triste per lo sport“.

Le immagini degli insulti ma anche quelle delle aggressioni ad alcuni tesserati dell’Avellino in tribuna, sono state riprese dalle telecamere di Prima Tivvù. A commentare la vicenda dello stadio Euganeo, anche il sindaco di Avellino Gianluca Festa in una diretta Facebook: “Abbiamo ascoltato quei cori, anche provando a far finta di niente. Mi sembra di essere tornato all’ante guerra, un coro del genere ormai è fuori moda che si commenta da solo. Noi dimostreremo sugli spalti di essere superiori a queste cose“.

E proprio per la partita di domani, la società bianco verde ha annunciato poche ore fa di aver già esaurito i 1000 biglietti disponibili per i tifosi. C’è voglia di rivincita ma soprattutto di finale per giocarsi la Serie B.

Potrebbe anche interessarti