Continuano i roghi nella Terra dei Fuochi: a che cosa serve l’esercito?

Roghi tossici in Terra dei Fuochi

All’inizio di quest’anno il Governo ha dato parere favorevole all’impiego dell’Esercito nella Terra dei Fuochi, per contrastare il fenomeno dei roghi tossici e prevenire l’ulteriore sversamento di rifiuti speciali. Già in quell’occasione avevo sottolineato come questa politica, tutta italiana per quanto riguarda l’Occidente, di impiegare le forze armate per ogni emergenza è la prova diretta del fallimento dello Stato, che ricorre a immagini da Paese militarizzato, in guerra civile, incapace di tenere sotto controllo il territorio (per approfondimenti potete leggere qui).

L’Esercito, tuttavia, non è bastato a risolvere la situazione, né ad esercitare la sperata funzione intimidatoria verso coloro che incendiano i rifiuti, così come le norme speciali e le relative sanzioni. Ogni giorno infatti sulla pagina Facebook dell’organizzazione Terra dei Fuochisi vedono foto e si leggono post da parte dei cittadini che denunciano la presenza di colonne nere di fumo, lamentando bruciore agli occhi e difficoltà nella respirazione. I Vigili del Fuoco, coi pochi mezzi a loro disposizione, non ce la fanno a correre dappertutto, tutto il giorno, a spegnere gli incendi.

Terra dei Fuochi

A questo punto, allora, ritorniamo sempre allo stesso punto: dato che l’operazione dell’Esercito ha costo rilevante, perché non utilizzare gli stessi soldi per potenziare il corpo dei Vigili del Fuoco e gli strumenti a loro disposizione? Perché non affidare il controllo del territorio alle forze dell’ordine, che lo conoscono bene, aumentandone la presenza? E soprattutto, quando si metterà in grado la magistratura di applicare la legge in modo efficace e veloce, in modo che la sanzione succeda velocemente al reato, affinché la pena svolga effettivamente le proprie funzioni general e special preventiva negativa?

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più