Lavoro

Annunci di Lavoro e non solo

Castellammare Di Stabia – La Giunta comunale di Castellammare di Stabia ha approvato la programmazione triennale del fabbisogno del personale per il periodo fra il 2019 ed il 2021. Tale piano comprende l’assunzione di 105 persone con l’intento di snellire radicalmente la macchina comunale. L’iniziativa è stata favorita dal pensionamento, nell’ultimo anno, di 57 persone ed altre 17 andranno in pensione entro il 2019. Un vuoto che favorirà l’assunzione di nuove leve.

Solo nel 2019 saranno 66 le assunzioni del Comune: 10 di questi posti saranno riservati agli agenti di polizia municipale, per aumentare la sicurezza del territorio. Nel 2020 avremo 15 assunzioni, mentre nel 2021 24.

Questi nuovi lavoratori verranno smistati in tutte le branche dell’amministrazione comunale: istruttori direttivi contabili, amministrativi, tecnici e socio-assistenziali (categoria D), istruttori amministrativi, contabili e tecnici di categoria C, collaboratori dei servizi informatici, collaboratori tecnici, collaboratori amministrativi, esecutori amministrativi, esecutori tecnici, operatori, insegnanti di scuola materna e, come abbiamo detto, agenti di polizia municipale.

Un progetto che per prima cosa arricchirà l’amministrazione pubblica del comune vesuviano, alleggerendo il lavoro e rendendo i servizi più semplici e fruibili dalla comunità. In secondo luogo offrirà tantissimi posti di lavoro principalmente ai giovani di Castellammare, con contratti a tempo indeterminato per tante diverse posizioni lavorative. Per partecipare ai concorsi invitiamo a tenere d’occhio la bacheca online del Comune.

lavoro

lavoroIntrodotte novità importanti per Resto al Sud, l’incentivo del governo che sostiene la nascita di nuove attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. Come comunicato da Invitalia (che gestisce l’erogazione dell’incentivo) dal 2019, con l’approvazione della Legge di Bilancio, le agevolazioni, finora riservate solo agli under 36, vengono estese anche agli under 46 e ai liberi professionisti.

Invitalia spiega che i liberi professionisti che vogliono accedere all’incentivo, nei dodici mesi che precedono la richiesta di agevolazione a Invitalia, non dovranno “essere titolari di partita Iva per un’attività analoga a quella proposta per il finanziamento” e inoltre “dovranno mantenere la sede operativa nelle regioni del Mezzogiorno interessate“. Una strada aperta a tutti coloro che hanno “voglia uscire da una situazione di precariato o lavoro irregolare“, investendo sulle proprie competenze.

Il finanziamento Resto al Sud copre il 100% delle spese ammissibili e prevede le seguenti agevolazioni: contributo a fondo perduto pari al 35% dell’investimento complessivo; finanziamento bancario pari al 65% dell’investimento complessivo, garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI; gli interessi del finanziamento sono interamente coperti da un contributo in conto interessi; l’importo massimo del finanziamento erogabile è di 50mila euro per ciascun socio, fino ad un ammontare massimo complessivo di 200mila euro.

Per accedere a Resto al Sud bisogna presentare la documentazione relativa al progetto imprenditoriale, attraverso la piattaforma dedicata sul sito invitalia.it. Presa in carico la richiesta, l’agenzia dà una prima risposta formale entro 60 giorni dalla presentazione dell’istanza. Tuttavia, per seguire l’iter del progetto è possibile uitilizzare l’App dedicata Resto al Sud, totalmente gratuita.

Come presentare la domanda per accedere a Resto al Sud? Prima di tutto bisogna collegarsi al portale di Invitalia e inserire login e password ricevuti al momento della registrazione. Effettuato l’accesso, dopo aver cliccato su Elenco incentivi e selezionato Resto al Sud, ci si ritroverà davanti alla Home Page della misura, dove in alto si trova il menù per la navigazione. Cliccando su Modulistica, a questo punto, è possibile scaricare gli allegati da caricare insieme alla domanda. Per ogni difficoltà o dubbi, mentre si sta compilando la domanda, cliccando su Contatti si potrà inviare una richiesta di assistenza  al CRM di Invitalia. Cliccando, invece, su Modifica account potranno essere verificati i dati inseriti al momento della registrazione.

Di seguito i video tutorial con tutti passi da compiere per la richiesta di Resto al Sud:

 

Torre del Greco – Approvata dalla giunta comunale, presieduta dal sindaco Giovanni Palomba, la programmazione triennale del fabbisogno del personale per l’anno 2019 e sino al prossimo 2021.

La delibera d’indirizzo è stata presentata dall’assessore con delega al Personale, Monica Ascione, e rappresenta un punto di svolta nella complessa riorganizzazione della macchina comunale.

Nello specifico, e per l’imminente anno 2019, così come si legge nel disposto, la revisione della dotazione organica – intesa come numero di dipendenti in servizio, sulla base degli attuali vincoli normativi in materia di assunzioni a tempo indeterminato, nonché di lavoro flessibile – prevede l’assunzione full-time di:

N. 8 Unità C1 Istruttore di vigilanza;
N. 2 Unità C1 Istruttore contabile;
N. 4 Unità C1 Istruttore amministrativo;
N. 1 Unita C1 Istruttore tecnico informatico;
N. 1 Unità D1 Coordinatore informatico;
N. 2 Unità D1 Coordinatore di vigilanza;
N. 1 Unità D1 Coordinatore tecnico;
N. 1 Unità D1 Coordinatore contabile;
N. 2 Unità D1 Coordinatore assistenti sociali.

Prevista, inoltre, all’interno dello stesso piano, anche l’assunzione di N.2 Dirigenti a tempo determinato ex art. 110, comma 2 del TUEL.

“Con l approvazione del Piano del Fabbisogno triennale 2019/2021 – ha spiegato l’assessore Ascione – abbiamo programmato per la prima volta dopo anni, l’assunzione di nuove figure professionali full-time, per il nuovo anno. Inoltre, sempre per il prossimo 2019 abbiamo inteso prevedere il passaggio di N. 8 geometri, impiegati al 33%, a tempo pieno, e di N. 4 vigili dall’83% al 100%. Ciò, per dare dignità e stabilità economica al personale impiegato part-time, e, nello stesso tempo per garantire efficienza e continuità alle attività svolte all’interno dell’Ente comunale”.

La compagnia aerea Emirates cerca personale internazionale da inserire nel proprio team. In questo mese, infatti, si terranno tre Open Days in Italia, durante i quali sarà possibile consegnare il proprio curriculum e partecipare alle selezioni.

In particolare, gli incontri si svolgeranno a Bologna, Palermo e Napoli. La tappa napoletana è prevista martedì 18 dicembre, alle ore 8:00, al Grand Hotel Oriente, in via A.Diaz, 44.

Emirates sta cercando candidati appassionati, spigliati e service oriented, per garantire ai clienti la migliore esperienza di bordo di Emirates.

Coloro che sono interessati a partecipare alle selezioni, dovranno presentarsi in loco muniti di curriculum vitae in lingua inglese e una foto recente.

Per tutte le informazioni e i requisiti, consultare la sezione Cabin Crew del sito ufficiale Emirates.

comune di Napoli

comune di NapoliIl Comune di Napoli ha indetto un corso per il reclutamento di diverse figure professionali sia a tempo determinato che pieno. Dal bando si specifica che si cercano: 29 istruttori direttivi amministrativi – categoria D1, 39 educatori professionali – categoria D1, 7 istruttori direttivi informatici – categoria D1.

Il bando avrà scadenza entro e non oltre il 9 dicembre 2018 e i candidati dovranno tenere una prova scritta, dalla cui graduatoria finale si sceglieranno i più meritevoli.

E’ possibile seguire le indicazioni presenti sul sito del Comune di Napoli, nei nuovi avvisi di selezione pubblica per saperne di più. Infatti all’interno della sezione è possibile consultare il bando di riferimento al concorso, in cui si troveranno tutte le indicazioni sia sui documenti da presentare per convalidare l’iscrizione, i requisiti richiesti per l’iscrizione e in che cosa consisterà l’esame, con riferimento a particolari argomenti cardini della prova.

cardarelli

cardarelliSono 2.017 gli ammessi alla seconda fase del concorso per infermieri bandito dall’Ospedale Cardarelli di Napoli. Un esercito di candidati per soli 20 posti a tempo indeterminato, in 9.236 si erano presentati alla prima prova.

La direzione del Cardarelli ha utilizzato misure tecnologiche per velocizzare le operazioni e per far assistere ciascun candidato ad ogni fase del concorso. E’ stata usata una generazione di schede – quesiti a random delle domande e per la correzione è stata messa a disposizione una diretta streaming sulla pagina Facebook dell’Ufficio stampa Cardarelli.

Entro dicembre verrà effettuata la prova scritta, entro gennaio la prova pratica ed entro febbraio la prova orale. La graduatoria completa con i nomi dei 9.236 che hanno preso parte alle selezioni è disponibile cliccando qui!

Buone notizie per chi cerca lavoro a Napoli. Nel centro storico della città campana aprirà infatti, a breve, un nuovo supermercato che già da adesso cerca personale da impiegare nell’attività commerciale.

Le tipologie di profili richiesti sono diversi e corrispondono ai seguenti:
– Scaffalisti
– Cassieri
– Banconisti (Macelleria-Salumeria-Ortofutta)

I contratti offerti sono sia Full Time, giornata lavorativa intera, che Part Time, corrispondente a circa mezza giornata. La zona è, come specificato sopra, quella del centro storico, raggiungibile in maniera molto agevole grazie alle corse della Metropolitana.

Per candidarsi alle offerte di lavoro è possibile inviare il Curriculum Vitae all’indirizzo email glb1@hotmail.it

Sud Italia

Svimez

Giovedì 8 novembre 2018 è stato presentato, nella sala della Regina a palazzo Montecitorio, il rapporto Svimez 2018 dal titolo “L’economia e la società del mezzogiorno”. Emerge dal rapporto una situazione ambivalente poiché a fronte di una crescita rilevata nel 2017 e nel 2018 ci sono alcuni problemi congiunturali che evidenziano una situazione d’incertezza per il futuro del Sud.

In particolare il persistente problema dell’accesso al credito nel Mezzogiorno e la percentuale occupazionale bassissima per la fascia più giovane della popolazione. La manovra finanziaria nel 2019 favorirà ancora la crescita al Sud, che dovrebbe avere maggiori benefici rispetto al centro-nord, dovuti al 40% circa in minori entrate e l’oltre 40% in più delle maggiori spese per cui si prevede un leggero recupero dell’economia meridionale.

Nel 2017 il PIL del mezzogiorno è cresciuto quasi nella stessa misura di quello del centro-nord, grazie alla crescita del settore manifatturiero e, in minima parte, di quello edilizio, con un dato importante che viene dai flussi turistici, con una crescita del 7,5% di viaggiatori stranieri nel Mezzogiorno e il relativo incremento della spesa turistica del 18,7%.

A fronte di questi dati positivi il report certifica ancora un divario consistente fra il centro-nord (tornato ai livelli pre-crisi) e il Mezzogiorno. Un divario che alla luce delle previsioni attuali in futuro potrebbe allargarsi ulteriormente. Le ragioni della “velocità duale” fra il Nord e il Sud della nazione si possono riassumere in una serie di fattori: in primis la marcata differenza di investimenti fra il centro-nord e il sud della nazione, con un + 3,8% al Mezzogiorno, dato positivo ma comunque distante dal + 6,2 % del resto della nazione.

Le criticità sono relative, ancora, alla contrazione della spesa pubblica con un evidente declino della spesa infrastrutturale che nel periodo 1970 al 2017 per il sud ha visto un – 4,7 % a fronte dell’appena -0,9% al centro-nord. Basti pensare che negli anni più recenti gli investimenti infrastrutturali per il meridione risultano pari a meno di un quinto del totale nazionale mentre negli anni 70 erano quasi la metà. Lo squilibrio riguarda anche l’export che per il Sud vale un più 1,6 % mentre il centro-nord mette a referto un +3%.

Il resoconto redatto dall’ente contrasta anche il luogo comune di un “Sud parassita” perché con tutti i suoi limiti il mezzogiorno contribuisce in maniera non superficiale alla crescita della nazione.

Si evidenzia come la crescita del centro-nord sia strettamente connessa all’andamento dei consumi del Sud poiché ben 20 dei 50 miliardi circa di residuo fiscale trasferiti alla regioni meridionali dal bilancio pubblico ritornano al centro-nord sotto forma di domanda di beni e servizi. Non solo, si stima anche che la sola domanda interna nelle regioni del Sud attivi circa il 14% del PIL.

Il rapporto inoltre mette l’accento sulla pericolosità della mala applicazione del federalismo regionale, in particolare del federalismo fiscale, poiché l’ampliamento delle diseguaglianze territoriale sotto il profilo sociale porterà a un forte indebolimento delle capacità del welfare di supportare le fasce più disagiate della popolazione.

Sicché  si parla di “cittadinanza limitata”, un termine connesso alla mancata garanzia di livelli essenziali di prestazioni che incide sulla tenuta sociale del Sud. Preoccupa anche il divario sul tasso di scolarizzazione che al sud nella fascia dei 20/24 anni è notevolmente inferiore a causa di un rilevante persistente tasso di abbandono scolastico con circa 300.000 giovani che abbandonano gli studi.

Il dato si somma al basso tasso di occupazione per i diplomati, e soprattutto dei laureati che a 3 anni dalla laurea hanno solo il 43,8% di occupati rispetto al  72,8% del centro-nord. Il rapporto evidenzia che il centro-nord è tornato ai livelli occupazionali pre-crisi mentre il mezzogiorno resta di circa 310 mila unità sotto il livello del 2008.

Si aggiunga poi un drammatico dualismo generazionale, certificato da un  saldo negativo di 310 mila unità, con la sensibile riduzione di oltre mezzo milione di giovani occupati fra i 15 e 34 anni, sommata alla contrazione di 212 mila occupati nella fascia di età fra i 35/54 anni al cospetto di una crescita occupazionale concentrata quasi esclusivamente fra gli over 55.

Di fronte a questi dati l’emigrazione è considerata un fenomeno naturale nelle regioni meridionali (con la sola eccezione della Sardegna) che solo nel biennio 2016-2017 hanno registrato 146 mila abitanti in meno. Negli ultimi 16 anni il mezzogiorno ha visto partire un milione e 833 mila residenti, dei quali la metà giovani di età compresa fra i 15 e 34 anni, un quinto di questi laureati.

Del totale il 16% si è trasferito all’estero, e di questi 800.000 non sono tornati. Alla luce di questi dati si delinea per i prossimi 50 anni un percorso di forte riduzione della popolazione che nel mezzogiorno perderà circa 5 milioni di abitanti, molto di più che nel resto del paese, dove la perdita sarà contenuta a un milione e mezzo. Tutto ciò se non interverranno misure politiche tese a favorire una reale ripresa del Mezzogiorno, magari partendo dall’incentivazione del comparto agroalimentare e dei flussi turistici, ovvero gli unici settori che da anni registrano nel sud della nazione un aumento importante

Poste Italiane

Poste Italiane

Nuove assunzioni da parte di Poste Italiane. Si cercano nuovi portalettere con contratto a tempo determinato. Assunzioni in tutta Italia, anche in Campania: Caserta, Napoli, Benevento, Avellino e Salerno. E’ richiesto un diploma con voto minimo di 70/100 o Laurea triennale o magistrale con voto minimo 102/100.

Richiesto, inoltre, il possesso della patente di guida e dell’idoneità alla guida del motorino 125cc. La scadenza per le candidature è il 18 novembre. Per ulteriori informazioni e per poter mandare la propria candidatura vi rimandiamo al seguente LINK di Poste Italiane.

circumvesuviana smog

circumvesuviana

L’Eav è alla ricerca di nuovo personale. L’azienda capitanata da Umberto De Gregorio è alla ricerca di 350 persone da assumere a tempo indeterminato. Di questi 350, 320 sono i posti per i diplomati e 30 per i laureati. I requisiti essenziali per candidarsi sono i seguenti: essere cittadino italiano o di altro Stato membro dell’Unione Europea o di uno Stato Extraeuropeo; aver compiuto il 18° anno di età; godere dei diritti civili e politici nello Stato di appartenenza;

non avere riportato condanne penali, non avere procedimenti penali in corso, non essere stati interdetti dai pubblici uffici, non avere riportato condanne penali che, ove disposte nel corso del rapporto di lavoro già instaurato, potrebbero determinare il licenziamento; non essere sottoposto a misure che escludono, secondo le leggi vigenti, la costituzione del rapporto di lavoro con la Pubblica Amministrazione;

non essere stato destituito o dispensato o licenziato dal servizio presso la Pubblica Amministrazione o Partecipate da Ente Pubblico/Privato per persistente insufficiente rendimento; non essere stato destituito o dispensato o licenziato da un impiego presso la Pubblica Amministrazione o Partecipate da Ente Pubblico/Privato, né per esser stato/a dichiarato/a decaduto/a per aver conseguito la nomina mediante la Avviso pubblicato in data 10.08.2018 e aggiornato in data 05.09.2018

produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile o per aver rilasciato false dichiarazioni sostitutive di atti o fatti; non essere coinvolto in alcun procedimento amministrativo o giudiziario previsto dal D.Lgs 231/01 e s.m.i.; non essere stato interdetto dalla Pubblica Amministrazione o Partecipate da Ente Pubblico a seguito di sentenza passata in giudicato;

non essere stato licenziato da questo Ente, né da altre Pubbliche Amministrazioni o Partecipate da Ente Pubblico/Privato avente stesse funzioni e servizi o da altri datori di lavoro per motivi disciplinari o per giusta causa; essere in posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva per i soggetti tenuti all’assolvimento di tale obbligo; possedere l’idoneità psico-fisica specifica per le funzioni afferenti al profilo/figura professionale ricercato.

Tra le tante figure ricercate, oltre questi requisiti base, sono richiesti anche degli ulteriori requisiti specifici. Per candidarsi ad una delle posizioni aperte, occorre leggere il bando e candidarsi sul seguente sito.

Napoli – La Regione Campania ha presentato un piano per il lavoro nel settore pubblico della Campania. Il progetto prevede, nell’arco di due anni, l’immissione negli enti locali della Campania di circa 10 mila unità lavorative a tempo indeterminato attraverso un apposito percorso di reclutamento e formazione. Un percorso che inizierà a breve, visto che il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha già dato mandato al Formez di dare il via alle procedure concorsuali.

L’idea di base proposta dalla Regione Campania è quella di bandire tutta una serie di corsi-concorsi su base regionale relativi a svariati profili professionali: al termine delle procedure concorsuali, per ogni profilo professionale verrà stilata un’unica graduatoria regionale da cui poi, i vari enti presenti sul territorio regionale, potranno assumere personale.

Superando il concorso gli assunti avranno accesso, a spese della Regione Campania, ad un periodo di formazione di circa 2 anni, nel corso del quale percepiranno comunque dai 900 (il primo anno) ai 1100 euro mensili (il secondo anno). Al termine del periodo di formazione saranno ufficialmente assunti da uno dei vari enti che hanno aderito al progetto e che hanno fatto richiesta di personale.

Alessandro Siani

Alessandro Siani

Napoli – E’ in fase di riprese il nuovo film di Alessandro Siani. Klab4, in accordo con la produzione Bartleby Film, ed in collaborazione con La Run Film e l’ Edenlandia, organizza un casting di comparse il 2 ottobre che si terrà presso il teatro dell’Edenlandia, in Viale John Fitzgerald Kennedy, 75.

Il casting è finalizzato a trovare le comparse maggiorenni di tutte le età con particolare attenzione per uomini e donne di età superiore ai 40 anni. I selezionati poi, se scelti per lavorare nel film, saranno chiaramente retribuiti. Non verranno fatti provini o video, ma solo fotografie per comparse non parlanti. Si specifica, inoltre, che sono ammessi solo residenti in Campania.

Per partecipare basta presentarsi all’ingresso del parco martedì 2 ottobre dalle 11:00 alle 18:00 e portare con sé una fotocopia di carta di identità o patente, più il codice fiscale o la tessera sanitaria.

NapoliSal Da Vinci sta organizzando un nuovo spettacolo: “Sinfonie in Sal Maggiore”. La nuova opera del creatore di “Scugnizzi” andrà in scena per la prima volta al Teatro Diana di Napoli dal 16 Ottobre 2018 e verrà replicata in altri teatri durante la stagione teatrale 2018/19. Lo stesso Sal Da Vinci ha pubblicato un annuncio sulla sua pagina Facebook ufficiale in cui annuncia che si cercando ballerini professionisti per partecipare allo spettacolo.

In particolare si cercano un uomo, preferibilmente di colore, ed una donna tra i 25/40 anni con forte base classica e ottime capacità di improvvisazione nello stile contemporaneo. Altezze Uomo 1,80 circa – Donna 1,70 circa

Per partecipare alle selezioni bisogna inviare curriculum e foto artistica via e-mail entro lunedi 1 Ottobre 2018 a: info@coseproduction.it. Coloro che saranno convocati successivamente all’invio del curriculum, parteciperanno alle selezioni che si terranno il giorno mercoledi 3 Ottobre 2018 presso il Teatro Diana di Napoli dalle ore 10:00. Ai fini della selezione si richiede : una sequenza coreografica su base contemporanea e una classica anche breve. Tip tap.

servizio civile

servizio civile

Il Servizio Civile Nazionale ha lanciato un nuovo bando per l’anno 2018/2019. Sono 3524 i volontari che verranno impegnati nei 323 progetti di servizio civile in Campania, finanziabili con le risorse a disposizione per l’anno 2018 richiamate nelle premesse. I progetti hanno una durata di dodici mesi con un orario di servizio non inferiore a trenta ore settimanali o a 1400 ore annue.

Ciascun giovane può presentare una sola domanda di partecipazione al bando e per un solo progetto. La data di avvio in servizio dei volontari è differenziata per i diversi progetti e viene stabilita tenendo conto del termine delle procedure di selezione e di compilazione delle graduatorie da parte di ciascun ente, delle esigenze specifiche del progetto nonché dei tempi necessari al Dipartimento per l’esame delle graduatorie di cui all’articolo 5.

L’avvio in servizio dovrà in ogni caso avvenire entro e non oltre il 30 aprile 2019. Il Dipartimento pubblica il calendario generale delle date di avvio in servizio e provvede ad informare ciascun ente della data da cui decorre l’impiego dei volontari, affinché gli stessi siano tempestivamente e correttamente informati. Ciascun volontario selezionato sarà chiamato a sottoscrivere con il Dipartimento un contratto che fissa in € 433,80 l’assegno mensile per lo svolgimento del servizio.

Le somme spettanti ai volontari sono corrisposte direttamente dal Dipartimento. Qualora il volontario risieda in un comune diverso da quello di realizzazione del progetto ha diritto al rimborso delle spese del viaggio iniziale per il raggiungimento della sede del progetto e del viaggio di rientro nel luogo di residenza al termine del servizio, effettuati con il mezzo di trasporto più economico. Per ulteriori informazioni basta consultare il bando al seguente link.

cardarelli

cardarelli

Napoli – L’azienda ospedaliera Ospedale “Antonio Cardarelli” di Napoli ha bisogno di nuovo personale. Per questo motivo è stato indetto un nuovo bando di concorso per l’assunzione di 80 unità di personale, delle quali 60 da Operatore Socio Sanitario e 20 da Infermiere.

Per consultare i bandi fare riferimento al Bollettino Ufficiale n. 52 del 30 luglio 2018 al seguente link: Burc Digitale.

Per quanto riguarda, invece, la compilazione delle domande e l’invio della candidatura bisogna recarsi su questo link. Al momento non è possibile ancora compilare, come annunciato anche sul sito indicato. Pertanto invitiamo tutti gli interessati a consultare periodicamente la pagina della candidatura in attesa che quest’ultima sia disponibile.

Napoli – È online il bando del concorso per 350 assunzioni nell’EAV. Come annunciato nella conferenza stampa di martedì 7 agosto, da oggi e fino al 7 ottobre, è possibile presentare la candidatura per uno dei profili proposti nel bando: 320 posizioni destinate a diplomati e 30 a laureati da inquadrare con rapporto di lavoro full time e a tempo indeterminato. Come specificato dal governatore della Campania Vincenzo De Luca, inoltre, non ci sarà alcun limite di voto per i diplomati che vorranno fare richiesta.

Le posizioni richieste sono le seguenti:

Operatori di esercizio

Operatori qualificati – Meccanici

Operatori qualificati – Elettronici\Automazione

Operatori qualificati – Elettronici

Operatori qualificati – Manutentori Armamento

Operatori di manovra

Operatori di Stazione

Macchinisti\Capitreno

Specialista tecnico amministrativo – Ingegnere meccanico

Specialista tecnico amministrativo – Ingegnere elettrico

Specialista tecnico amministrativo – Ingegnere elettronico\automazione

Specialista tecnico amministrativo – Ingegnere civile\edile

Specialista tecnico amministrativo – Ingegnere gestionale

Specialista tecnico amministrativo – Ingegnere informatico

Specialista tecnico amministrativo – Geologo

Specialista tecnico amministrativo – Giurista

Specialista tecnico amministrativo – Economo

Tutte le modalità sono sul sito di Eav: www.eavsrl.it.

Sul sito, nella sezione “azienda/selezioni e concorsi”, procedere su accesso sezione dedicata, prendere visione dell’avviso e selezionare il profilo prescelto e proseguire con la registrazione.

La candidatura costerà 20€, di cui 5 verranno devoluti in beneficenza, e sarà possibile candidarsi ad uno solo dei 18 profili richiesti.

Il 10 novembre i candidati potranno verificare la loro ammissione al concorso e conosceranno la data delle prove. Per ogni chiarimento i candidati, dal 17 agosto, potranno contattare la società che gestirà il concorso alla mail selezioneeav@quanta.com.

San Leucio
San Leucio
Macchinari per la produzione della seta, San Leucio

Il Comune di Caserta ha pubblicato sul proprio sito il bando per partecipare ai tre corsi di formazione messi in campo dalla Fondazione Sistema Moda e riservati a giovani diplomati, di età compresa tra i 18 e i 35 anni. Uno dei tre corsi, quello per la preparazione di “tecnico superiore esperto di processi manifatturieri avanzati e fabbricazione digitale”, partirà da fine ottobre 2018 ed avrà come sede il Belvedere di San Leucio. Gli altri due avranno sede a Napoli e Solofra.

Possono presentare domanda di iscrizione i giovani e gli adulti con età tra 18 e 35 anni non compiuti alla data di scadenza del bando inattivi, inoccupati, disoccupati, occupati, studenti, docenti ed operatori del sistema integrato di istruzione, in possesso di diploma di istruzione secondaria superiore e coloro che siano in possesso di un diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale e che abbiano frequentato un corso annuale integrativo di istruzione e formazione tecnica superiore. Sono considerati titoli preferenziali: una buona conoscenza dell’informatica e della lingua inglese, il possesso di titoli di studio e/o esperienze professionali coerenti con l’indirizzo del percorso.

Per il corso di “tecnico superiore esperto di processi manifatturieri avanzati e fabbricazione digitale”, inoltre, la parte didattica si svolgerà al Belvedere e al Liceo Artistico di San Leucio, mentre la parte pratica in parte presso il sito Unesco e in parte nelle aziende che fanno parte della Fondazione.

Il bando, la cui scadenza è il 5 ottobre, permetterà a 24 giovani di frequentare un corso di 24 mesi per apprendere le tecniche di produzione tessile e di abbigliamento. Al termine dei corsi, inoltre, ci sarà la possibilità di compiere un’esperienza lavorativa in una delle importanti aziende che fanno parte della Fondazione: Isaia & Isaia Spa, Carpisa-Yamamay, Cis Spa, Essemoda, Siap-Finamore, Conceria Ncl, Kuvera Spa e Dlg.

Il progetto vede il patrocinio dei Comuni di Caserta, Napoli, Nola e Solofra, ma anche delle Università “Vanvitelli” e “Federico II”, cinque scuole superiori (tra queste l’Istituto “Isabella d’Este Caracciolo” di Napoli), la Camera di Commercio di Napoli, la Fondazione Mondragone e la Stazione sperimentale pelli e materie concianti di Solofra.

Per leggere e scaricare il bando completo, cliccare qui.

lavoro

lavoro

I livelli di disoccupazione restano a livelli altissimi nel Sud Italia, ma la questione appare ancora più critica se si vanno ad analizzare i dati relativi a quella femminile. Infatti, nonostante le numerose iniziative governative, i datori di lavoro preferiscono ancora affidare a figure maschili, in fase di assunzione.

Il problema, come detto, è grande e sottolinea ancora il predominio di stereotipi e “abitudini” culturali obsolete. La questione tocca, ovviamente, anche la Campania dove il livello di disoccupazione femminile è il più alto della Penisola. A tal proposito, la Regione è scesa in campo con varie misure, promosse dall’assessore, con delega alle Pari Opportunità, Chiara Marciani. Per tali inziative, sono stati stanziati ben 26 milioni di euro, proprio per incentivare l’occupazione femminile.

La Marciani, come riporta Il Mattino, ha spiegato che “circa 19 milioni di euro vanno all’imprenditoria femminile; altri quattro milioni per percorsi di formazione ed orientamento delle donne, anche individuali“. L’assessore, quindi, spiega che è previsto un contributo per le imprese femminili in difficoltà e dopo la fase di start-up, ma soprattutto viene tesa una mano a quelle donne che ritengono di avere “particolari propensioni per determinate attività“, offrendo loro la possibilità di seguire corsi ad-hoc.

offerte di lavoro

offerte di lavoro

Possibilità di lavoro stagionale ad Ercolano, riservato ai residenti. Infatti, La Buttol Srl ha annunciato di essere alla ricerca di personale e di aver aperto le selezioni per le figure di operatore ecologico e autista. I requisiti richiesti sono contenuti nel bando pubblicato dal Comune di Ercolanoe il termine per presentare la propria candidatura è fissato per il 21 giugno 2018, alle ore 13. Nella stessa giornata alle ore 15, infatti, si terrà anche il sorteggio  che avrà luogo nel comando di polizia municipale di Ercolano.

L’elenco dei candidati da assumere sarà riservato preferibilmente a residenti, alla data di pubblicazione del presente Avviso Pubblico, nel comune di Ercolano, disoccupati da almeno 6 mesi iscritti al Centro per l’Impiego competente per territorio.

Modalità di compilazione ed invio della candidatura.

La domanda dovrà essere compilata in carta semplice e, a pena di esclusione, dovrà essere indirizzata comprensiva degli allegati richiesti al seguente indirizzo: BUTTOL Srl, Via Bendetto Cozzolino n.37 – 80056 Ercolano (Na) e pervenire presso la sede aziendale entro e non oltre il termine perentorio del 21 giugno 2018, ore 13:00.

L’invio può essere effettuato mediante: raccomandata con avviso di ricevimento, corriere espresso oppure consegna a mano, in busta chiusa sulla quale il candidato deve indicare, a pena di esclusione, oltre il proprio nome, cognome ed indirizzo la seguente dicitura “Domanda di ammissione alla procedura per la formazione di elenco di operatori ecologici nel Comune di Ercolano”; posta elettronica certificata (pec) inoltrata al seguente indirizzo: buttolsrl@pec.it. Nell’oggetto della pec il candidato deve indicare, a pena di esclusione la seguente dicitura “Domanda di ammissione alla procedura per la formazione di elenco di operatori ecologici nel Comune di Ercolano”; posta elettronica ordinaria, inoltrata al seguente indirizzo: info.buttolsrl@gmail.com. Nell’oggetto della pec il candidato deve indicare, a pena di esclusione la seguente dicitura “Domanda di ammissione alla procedura per la formazione di elenco di operatori ecologici nel Comune di Ercolano”.

Per ulteriori informazioni consultare il bando, cliccando qui

Nelle sale di Villa Pignatelli a Napoli, cinque governatori del Sud, hanno firmato un accordo per la salvaguardia degli interessi economici del Mezzogiorno d’Italia. A presiedere gli Stati Generali del Lavoro è stato il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, ma, come detto, erano presenti anche altri governatori: Nello Musumeci (Sicilia), Mario Oliverio (Calabria), Marcello Pittella (Basilicata), Donato Toma (Molise) e, in collegamento dalla Puglia, Michele Emiliano.

Una grande battaglia comune per il Mezzogiorno – ha detto De Luca, nel lungo intervento d’apertura – indispensabile per difendere i nostri interessi, trovando un accordo politico tra noi nei giorni in cui nasce il nuovo governo. Perchè quando si tratta di trovare le risorse il Nord è compatto, senza distinzioni di destra e sinistra, il Sud invece no. Dobbiamo imparare a fare lobby in maniera positiva per tutelare le nostre comunità“.

Un Meridione unito per evitare che “chi è già all’ inferno continui a sprofondare per scelte sbagliate che appartengono al passato e a un modo pulcinellesco di rappresentare il Mezzogiorno che non esiste più. Le risorse destinate alle infrastrutture del Sud devono essere mantenute o incrementate“.

Dobbiamo chiedere un piano del lavoro per i giovani – ha continuato – da centinaia di migliaia di assunzioni nella pubblica amministrazione da tre miliardi, il 5% degli incentivi alle imprese dello Stato. Non si aggravano economicamente i Comuni, ma si immettono forze professionali formate e si rendono più efficienti gli enti. La questione lavoro da noi sta diventando un’emergenza democratica“.

Di seguito l’intervento completo di Vincenzo De Luca: