Cosa cercare in una brava babysitter?

Siamo a fine anno e gennaio è spesso tempo per rivedere l’organizzazione famigliare. Per molti genitori l’aiuto di una baby sitter diventa fondamentale per gestire la quotidianità. Nel momento in cui non ci si è mai affidati a questa collaborazione il primo passo è chiedere ai propri amici se conoscono una persona che cerca lavoro come baby sitter a Napoli. Spesso accade però che le baby sitter della zona più apprezzate sono già occupate e allora bisogna cercare nuovi canali di contatto.

Il web offre uno strumento rapido e veloce per individuare i profili giusti, grazie alle piattaforme specializzate che mettono in relazione la domanda e l’offerta di baby sitter. Normalmente funziona così: si inseriscono dei filtri (zona di domicilio, conoscenza lingue straniere, disponibilità a guidare, fasce orarie) e si individuano una serie di candidati potenziali.

Nel momento in cui la rosa di candidati si restringe, su scelta dei genitori, allora bisogna organizzare dei colloqui. Ma quali sono i fattori che i genitori vanno a indagare quando scelgono una baby sitter per i loro figli?

1. Esperienza
Se c’è qualcosa che dà fiducia ai genitori, è sapere che la baby sitter che sceglieranno ha esperienza. Avere lavorato in precedenza in un asilo nido, a scuola o con altre famiglie con bambini, garantirà che non inizi da zero. Deve essere qualcuno che si sviluppa naturalmente nella cura dei più piccoli.

Quando abbiamo bambini in età scolare, è meglio che la baby sitter abbia abbastanza formazione per aiutarli a fare i compiti. L’esperienza è un fattore che deve essere particolarmente importante se si ha un bambino neonato. La baby sitter dovrebbe sapere come tenerlo tra le braccia, fare il bagno, cambiare il pannolino o come reagire a un forte aumento della febbre.

2. Referenze
Per essere sicuri di assumere una buona baby sitter, è essenziale controllare le referenze . È essenziale confermare che hai l’esperienza che dici di avere. Per fare questo, si possono contattare i precedenti datori di lavoro e fare un questionario completo per scoprire:

  • Che tipo di compiti ha sviluppato?
  • Quanti anni avevano i bambini?
  • Le sue virtù e difetti
  • Perché ha smesso di lavorare con la famiglia?

3. Formazione
Sebbene in Italia non sia necessario possedere una qualifica specifica per essere una baby sitter, si raccomanda che la baby sitter abbia una formazione adeguata . Se ha conseguito una laurea, un diploma o un corso relativo alla cura dei bambini, questo darà dei punti in più.

Potrebbe anche interessarti