Bonus famiglia 2017, 800 euro per il bebè e 1000 per il nido: ecco chi può richiederli

bonus-famiglia
In Italia non si fanno più figli. Il motivo, forse principale, è la crisi economica che da anni imperversa nelle case delle famiglie italiane, che troppo spesso sono costrette a mettere da parte progetti a lungo termine vista la precarietà delle loro condizioni. Per sostenere la maternità in crisi, il Governo ha predisposto 600 milioni di euro che serviranno ad aiutare le famiglie con i nuovi nati. I voucher, gli assegni familiari, per il 2017 saranno tre:

– Un bonus da 800 euro sarà destinato a tutti i bambini nati dal primo gennaio 2017, verrà dato ai genitori prima della nascita del piccolo e servirà a coprire le spese della gravidanza. La somma sarà indipendente dal reddito;

– Arriva anche un Bonus Nido, dal valore di 1000 euro all’anno, destinato all’iscrizione al nido di tutti i bambini nati dal primo gennaio 2016 e fino al compimento dei tre anni di età. Anche questo bonus viene assegnato a prescindere dal reddito, ma viene erogato soltanto se il bambino completa l’anno scolastico.

– Confermato il Bonus bebè per le famiglie a basso reddito: 80 euro al mese per tre anni, per tutte quelle famiglie che presentano un Isee inferiore a 25mila euro. Per tutte le famiglie che versano in condizioni di povertà (Idee inferiore a 7mila euro annui) si pass invece a 160 euro al mese, cioè 1920 euro annui.

– Rimane, anche il voucher Baby Sitter, destinato alle mamme che tornano al lavoro dopo 5 mesi dal parto. Il budget predisposto dal governo, che nel 2016 era di 20 milioni, passerà a 40 milioni nel 2017.

– Infine, un’ultima misura che diventerà operativa entro la fine di marzo: il Fondo Credito Nuovi Nati, uno strumento che darà garanzie sui piccoli prestiti alle famiglie che avranno o adotteranno un figlio a partire dal 2017.

Si attendono ancora novità sulle condizioni e i requisiti per fare la richiesta.

Potrebbe anche interessarti