Giugliano, nasce un bosco su un ex campo rom: 12mila alberi piantati

GiuglianoLe iniziative che fanno bene al cuore e all’ambiente è quella della nascita di un nuovo bosco su una terra in cui venivano sversati illegalmente rifiuti. Antonio Poziello, sindaco di Giugliano, parla di questo bel progetto, promosso proprio nella sua città: da terra dei fuochi a “terra dei pioppi”.

Oltre 12mila alberi sono stati già piantati a marzo, altri 4mila verranno piantati tra novembre e gennaio. Il nuovo bosco sta sorgendo a Masseria del Pozzo, dove prima c’era il campo rom sgomberato nel 2016. Sta nascendo nell’ambito di un progetto sperimentale voluto e finanziato dalla Regione Campania, su un’area di proprietà del Comune di Giugliano di oltre 40mila metri quadri ed affidato alla cura del Consorzio Unico di Bacino Napoli-Caserta, grazie ad una convenzione firmata dai tre enti.

Non si tratta di un’iniziativa nuova per Giugliano: già nel 2016, infatti, era stato realizzato un altro bosco dal Commissariato alle bonifiche insieme alla Università Federico II, piantando oltre 20.000 pioppi nell’ambito di un progetto sperimentale di fitodepurazione dei terreni inquinanti dei Vassallo, a San Giuseppiello, alle spalle della discarica di Masseria del Pozzo e a ridosso della ex Resit.

Sono tutti interventi che mirano a ridare nuova natura ad aree inquinate e contrastare la produzione di anidride carbonica ed altri inquinanti di queste discariche dismesse.

Il Comune di Giugliano nel 2017 aveva, invece, piantato nell’ambito del progetto “il bosco delle caldaie” altri 500 pioppi, in un’area di 10mila metri quadri all’ingresso della zona Asi di Giugliano. Quest’ultimo progetto era nato dalla sinergia tra il Comune ed il Comitato Parchi per Kyoto (onlus costituita da Federparchi-Europarc Italia, Kyoto Club e Legambiente).

Per il Vicepresidente della Regione Campania, Fulvio Bonavitacola, si tratta di un intervento dall’elevato valore strategico: “La Regione sta sostenendo gli interventi rinaturalizzazione e fitodepurazione delle aree con criticità ambientale nel Comune di Giugliano. Il progetto utilizza personale del C.U.B. e da vita ad un bosco sperimentale, con una modalità replicabile su altre aree con problemi di inquinamento dei suoli. Un investimento forte, che si aggiunge alle risorse messe in campo per le bonifiche”.

Entusiasta il sindaco di Giugliano, Antonio Poziello. “Stiamo realizzando una grande cinta fatta di boschi ed alberi, nell’area di mezzo della città, quella tra Ponte Riccio e Taverna del re. Pioppi piantati per contrastare l’inquinamento dei suoli e contribuire a ridurre le emissioni di c02 ed altri inquinanti. Sottraendo spazi all’abbandono di rifiuti ed agli incendi”.

Positivo anche il commento del Soggetto liquididatore del CUB, Francesco Ventriglia. “Abbiamo avviato una positiva sinergia tra enti -commenta-, che si arricchirà a breve anche delle attività di contrasto all’abbandono dei rifiuti proprio nella città di Giugliano”.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più