Le “stese”: l’antica arte dei venditori ambulanti napoletani

venditore ambulante

I venditori ambulanti napoletani hanno un gran repertorio di slogan utilizzati per attirare clienti e passanti. Chi ha passeggiato almeno una volta tra le bancarelle di un mercato meridionale, non avrà problemi a ricordare le assordanti “grida” utilizzate dai mercanti per attirare l’attenzione della gente. Tale tradizione, sembra avere radici antichissime tanto che già nel Satyricon di Petronio, si legge di questa strana usanza napoletana utilizzata per promuovere le proprie merci.

Un vero e proprio coro in grado di formare una sorta di opera unica, una lirica in grado di estendersi per centinaia di metri! Pian piano, così come la maggior parte delle tradizioni folkloristiche antiche, anche questa usanza sta scomparendo, ecco perché, proprio come suggerito dal blog madeincaserta.it, vi elenchiamo alcune delle più caratteristiche “stese” napoletane.
Venditore di ciliegie: Rosse e toste comm’e facce d’e femmene noste’e cerase d’o Vommero!
Venditore di uva: ‘A catalanesca ‘e Somma! ‘A muscarella! ; Catalanesca ‘e Somm, è venuto ‘o zampognaro è ancora fresca!
Venditore di angurie: ‘A pacchianella ‘a ll’uorto, l’ha sciacquato cu ‘nu sicchiettiello ‘e fuoco! ; ‘O Vesuvio, ‘o Vesuvio!; Aggio araputo ‘a casciulella ‘e zuccaio!; Magne, vive e te lav’a faccia!; S’è appicciato ‘o ciuccio cu’ tutt’a canetta. Oh! Anemo d’o fuoco! E mo’ miett’a coppa!Venditore di fichi d’India: Faccio amore cu’a mamma e cu ‘a figlia me spasso.
Vengo ‘e nanasse. Teng’o frutto pe’ chi fa amore stasera!Venditore di fave: ‘A fava fresca, ‘a fava d’o ciardino!
Venditore di mele al forno: I’tengo ‘o pasticciotto!
Venditore di lumache di mare: ‘E ma ruzze d’a festa so’meglio d’e cunfiette
Venditore di castagne: ‘E castagne d’o prevete!
Venditore di ostriche: Ostriche d’o Fusaro: so’ ‘e fravule d’o mare!
Venditore di carne di maiale: ‘Nu carlino’e tracchiulelleVenditore di fichi: Mo’ se magnano ‘e fiche, mo’ ch’a chioppeto!
Venditore di noci: Tengo ‘e nnoce ‘e Surriento: donna Chicchì, che belli cosce!
Venditore di nocelle, ceci, semi di zucca, fave: Fave nove a chi roseca!; Spassateve ‘o tempo!
Venditore di telline: ‘E tunnine n’ata zuppa!
Venditore di gamberetti: Ammarielle vive:mo’pazziavano dint’e scoglie!
Venditore di acqua sulfurea: Acqua suffregna, fresca comm’a neve!
Venditore di segature: Quatte solde ‘nu chilo ‘e secatura!
Venditore di panieri di vimini e ceste: vuje vulit’o panaro, ‘n’ata canesta!
Venditore di busecca e muso di vacca lessi: Call’e trippa, ‘o musso!; n’atu ppoco ‘e trippa pariatella!
Venditore di ciccioli: Dì grana miezo quarto, so’caure ‘e cigoli!
Venditore di frittura mista alla napoletana: E’ leggiero ‘o panzarotto t’o magne a ‘e sette ‘o cache all’otto!; Fa’marenna, fa’marenna! Tene magne ciento int’a ‘nu scoscio ‘e viento!; tengo ‘a patanella e ‘o sciore, Magnateve ‘o fritto misto!
Venditore di dolciumi: Cunfiette ricce e palle ‘e Salimone!
Venditore di torrone: Accàttate ‘o turrone! Ch’è fatto cu li mane d’o padrone!
Venditore di grano: Venuta è Pascarella, ‘nzieme alla primavera ‘o grano p’a pastiera, ‘o grano p’a pastiera!
Saponaro, rigattiere-cenciaiolo: sapunaro, robba vecchia!
Erbivendolo: tengo aruta novella e ll’evera addirosa.
Franfelliccaro: ‘E zucchere janche, ‘e mela!
Acquaiolo: Acqua fresca, chi vo’ vevere! Manco ‘a neve!; Oh chi veve, fredda, fredda, oh chi veve?
Sorbettiere: ‘A grotta d’a neve. Vi’ che surbetta!; Chi vo’ a surbetta! Che zucchero!
Seggiolaio: ‘Na bella seggia vascia, seggiolelle; ‘No bello seggiole p’a tavola, seggiolelle!
Riparatore di ombrelli: ‘O conciambrelle!
Il conciategami: ‘O conciatiane!
Cocchiere: Signurì ce ne jammo!

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più