Couchsurfing Naples: dormire sui sofà di sconosciuti

Donna Avventura, Pechino Express o Mars One sono solo alcuni dei programmi televisivi più famosi che hanno come filo conduttore l’esperienza del viaggio: un viaggio da vivere, non comodamente in business class o in un hotel a cinque stelle extra lusso con magici soggiorni in resort, champagne con caviale e terme magnifiche. Se anche voi sognate di viaggiare andando incontro all’avventura, con zaino in spalla e pollice in su per fare l’autostop sul ciglio di una strada, allora il couchsurfing è la novità fatta apposta per voi.

Il couchsurfing permette a chi ha tanta voglia di viaggiare, ma che contemporaneamente non può permettersi itinerari e strutture ricettive troppo costose, di letteralmente dormire sul divano di uno sconosciuto, con l’obiettivo principale di fare amicizia e la promessa di offrire in cambio il divano di casa propria in futuro per “l’amico-sconosciuto”. Questa idea geniale e un po’ carlona è nata in USA grazie all’estro creativo di un giovane americano, Casey Fenton, che dopo aver prenotato un volo per l’Islanda acquistando un biglietto aereo a un costo stracciato, si è trovato di fronte alla difficoltà di non sapere dove poter alloggiare per la notte; insofferente all’idea di fare il “piccolo turista” in albergo, in striminziti B&B o in indecorosi ostelli, inviò circa 2mila mail a studenti islandesi, chiedendo ospitalità e un divano su cui dormire: così su due piedi, il “giovane viaggiatore” si organizzò un soggiorno pieno di nuovi amici da conoscere e di posti incredibili da poter visitare, senza la preoccupazione di spendere troppo.

Così dormire sul sofà di uno sconosciuto, potenziale nuovo amico o compagno di avventura, si è trasformata in una vera e propria moda in un’epoca economica di crisi che ha dato l’opportunità di aguzzare l’ingegno; in poco tempo nacque pertanto la decisione di creare una comunità per lo scambio di divani e comode poltrone: l’iscrizione al sito internazionale (www.couchsurfing.org – ndr) è gratuita e nella massima libertà si può mettere a disposizione il proprio divano o cercarne uno disponibile nella massima sicurezza nel paese che si desidera visitare, dando anche la disponibilità di poter accompagnare il turista-amico per la città o semplicemente per offrire consigli preziosi, come il clima, i monumenti da visitare, le specialità tipiche da degustare.

Napoli con ben 9mila divani liberi e desiderosi di ospitare qualcuno, si colloca tra le città più appetibili per il turismo fai da te e couchsurfing, in quanto la bella Partenope offre ai viaggiatori, reali esperienze turistiche di confronto con gli abitanti della città, patria dell’ospitalità per antonomasia. Infatti i vari couchsurfer organizzano eventi regolarmente in più di 100mila città di tutto il mondo: spesso vengono organizzate riunioni in negozi, bar o locali, così entrare a far parte di questo mondo diventa facile, veloce e senz’altro divertente.

 

Potrebbe anche interessarti