Coronavirus, nonno guarito si chiude in mansarda: “Devo proteggere la mia nipotina”

Coronavirus. Alessandro Bonaveri Celio, 56enne residente a Fisciano ha festeggiato dopo essere stato dimesso in seguito alla guarigione da Covid-19. Il video, con le immagini dell’uscita dal reparto ripreso da Enzo Magliozzi, infermiere dell’ospedale, ha fatto il giro del web.

Ora il giovane nonnino se ne starà rintanato nella sua mansarda per 15 giorni per proteggere la sua famiglia ed in particolare la sua nipotina.

L’odissea dell’uomo ha avuto inizio tra il 18 e il 19 marzo. Come riporta Il Mattino, l’uomo in seguito al manifestarsi della febbre alta fu subito ricoverato all’ospedale di Mercato San Severino, dove gli fu praticato il tampone.

In seguito ad ulteriori analisi fu trasferito all’ospedale Loreto Mare, dal quale è stato dimesso sabato mattina.

Queste le sue parole: “In quel momento ho pensato ai miei familiari, a mia moglie, alle mie due figlie e alla mia nipotina di pochi mesi che vivono con noi. Ho temuto per loro, fortunatamente stanno tutti bene. Hanno fatto il tampone e sono risultati negativi. Sono stato ricoverato 21 giorni. Ho visto persone che stavano bene aggravarsi in breve tempo ed essere trasferite in rianimazione. Qualcuna di loro non ce l’ha fatta. Il timore era che potesse accadere anche a me. Questa era l’angoscia che ho vissuto. Ciò che mi ha aiutato è stato il modo di porsi e di agire di medici, infermieri, personale sanitario. Entravano con il sorriso. Aiutavano il morale. Emotivamente è stato importante”.

Potrebbe anche interessarti