Filmata in topless a Ibiza: ragazza stabiese finisce sui siti porno

Da Ibiza a Napoli uno scandalo a luci rosse che riaccende la polemica sulla privacy e l’intimità nell’era del porno gratis. Una giovane di 30 anni originaria di Castellammare di Stabia è stata filmata a sua insaputa mentre prendeva il sole in topless su una spiaggia di Ibiza, in vacanza. Il video, girato di nascosto, è stato poi pubblicato abusivamente da alcuni siti di pornografia facendo registrare 30mila visualizzazioni in appena 3 giorni.

La vicenda fa riflettere: il caso non è paragonabile alla drammatica morte di Tiziana Cantone, né tantomeno può essere accostato alla vicenda delle foto hot rubate a Diletta Leotta. Eppure c’entrano temi come il cyberbullismo, i free porno, la privacy, la cyber-reputazione.

Il filmato che vede protagonista a sua insaputa la 30enne stabiese è infatti finito sotto la rubrica Video Rubati, una nuova categoria di filmati pornografici che, da qualche tempo, è in vetta alla ricerche del pubblico appassionato di portali a luci rosse.

Impossibile in questi casi difendersi, evitare di essere filmati o, peggio ancora, impedire di finire al centro di uno scandalo sessuale, anche se non consenzienti. Ancora più difficile che i portali hard rimuovano i filmati.

Nel caso della giovane di Castellammare, è stato un amico ad avvisarla di essere finita su un sito porno ma gli admin non vogliono saperne di cancellare il filmato.

Cosa si può fare? E’ evidente che è necessario un intervento del legislatore che punisca chi ruba foto o video intimi e che, al tempo stesso, prenda provvedimenti soprattutto contro chi, diffondendoli, ci guadagna. E anche molto.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più