Striscione vergogna a Castellammare: “Niente camorra, volevamo attirare l’attenzione”

La storia del “falò della camorra” esposto a Castellammare nella notte tra il 7 e 8 dicembre, sembra non avere ancora fine. Lo striscione bruciato che riportava un’ eloquente scritta: “Così devono morire i pentiti abbruciati”, fece così tanto scalpore che la Procura ha aperto un’ inchiesta che ha messo agli arresti ben 5 persone.

E sono stati propri i presunti colpevoli a dichiarare, come riporta Il Mattino, quelle che dovrebbe essere l’attenuante di questo gesto: “Niente camorra, volevamo solo attirare l’attenzione e vincere la sfida con gli altri rioni”. Così hanno giustificato un gesto di di tale gravità, presentandolo come una semplice e banale bravata. Un gesto eclatante solo per sbalordire e impressionare tutti.

LEGGI ANCHE
Napoli, Don Guanella: identificato l'uomo che ha sparato alla donna con il nipote in braccio

Per tale motivo, il giudice che gli aveva imposto l’obbligo di dimora al di fuori della Campania, ha dovuto ritirare questa misura, permettendo ai 3 maggiorenni di ritornare a Castellammare. Ma resta comunque l’accusa di istigazione a delinquere aggravata dal metodo mafioso, alla quale dovranno rispondere in Tribunale.

Potrebbe anche interessarti