Covid, sindaco Castellammare: “Zona gialla a causa di scontro Governo e Regione. Si pensi alla salute dei cittadini”

Covid – il sindaco di Castellammare di Stabia chiede scelte diverse. La Campania dall’ultimo Dpcm è stata inserita nella “zona gialla”, quindi quella con il rischio più basso. Le poche limitazione a cui i cittadini hanno dovuto far fronte hanno fatto si che lo scorso weekend si creasse una folla nei luoghi simbolo di Napoli e facesse scattare il campanello d’allarme.

Ieri infatti alcune regioni sono passate da zona gialla a zona arancione e oggi arriverà anche la decisione sulla Campania. Ad essere contrario alla zona gialla è senza dubbio il sindaco di Castellammare di Stabia Gaetano Cimmino che ieri, in diretta a L’Aria che Tira su La7, ha parlato dell’emergenza covid nella sua città.

Noi come sindaci siamo stati lasciati soli dal Governo. La curva dei contagi nella mia città cresce in maniera esponenziale, il nostro Ospedale San Leonardo è quasi al collasso.

Il mio sospetto è che siamo zona gialla perché c’è stato uno scontro tra i Presidenti di Regione e il Governo Nazionale e questo è inammissibile“.

Queste le parole del primo cittadino di Castellammare sul proprio profilo facebook dopo l’intervista: “Noi sindaci siamo stati lasciati solo da un Governo nazionale che non ha saputo mostrare la sua autorevolezza. Oggi ho ribadito questo concetto nel corso del programma L’aria che tira La7, portando le esigenze della mia città alla ribalta nazionale.

La curva dei contagi cresce in maniera esponenziale nella mia città e l’ospedale San Leonardo è al collasso. Nonostante ciò, ci ritroviamo in zona gialla e al centro di uno scontro politico tra Governo e Regione.
La tutela della salute dei cittadini è prioritaria. E c’è bisogno di scelte coraggiose per fronteggiare una crisi sanitaria e socio-economica che non ha precedenti“.

 

Noi sindaci siamo stati lasciati solo da un Governo nazionale che non ha saputo mostrare la sua autorevolezza. Oggi ho…

Pubblicato da Gaetano Cimmino su Lunedì 9 novembre 2020

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più