“Note & sapori vesuviani”, festa in onore della Madonna Assunta: il programma

Parte dalla gente e dall’Associazionismo la chiusura delle festività in onore all’Assunzione in cielo della Beata Vergine Maria prevista per il 16 Agosto ad Ercolano in Piazza Pugliano.

Dopo anni, si ritrova l’interazione tra pubblico e privato, un perfetto rapporto sinergico che ha come ambizione quella di restituire alla città, gli stessi cittadini. Allora ecco che l’Assessorato alla Storia ed Identità Cittadina, nella persona del Vice Sindaco Dott. Luigi Fiengo, e con il placet del primo cittadino Avv. Ciro Buonajuto, che individua nell’Associazione Nuovo Progetto Ercolano, un’occasione per restituire ad un evento storico, il sapore della tradizione, puntando sulle idee e su quanto proposto dal suo Presidente Ciro Santoro, già reduce dal grande successo del Carnevale Vesuviano.

Un format semplice e genuino, dove a creare cornice saranno le stesse aziende della città, che attraverso la formula “sagra” daranno l’occasione ai residenti e turisti della città vesuviana, di degustare le tipicità estive della tradizione culinaria partenopea, proponendo piatti e “chicche storiche” che consentiranno ai non più adolescenti di riportare alla memoria quelle piccole particolarità che caratterizzavano la loro infanzia durante queste festività.

Stiamo provando a ricostruire fiducia nei cittadini, dimostrando che ciò che spesso appare difficile ed impossibile, è solo l’effetto di delusione e sfiducia, dove le difficoltà amministrative e le nuove norme, diventano in un contesto sociale già difficile, il primo ostacolo da affrontare, ecco allora, precisa Santoro, che costruire iniziative dal sapore popolano, attraverso la fiducia di oltre 30 aziende del territorio che hanno scelto di supportare la loro città, significa evidentemente, che la gente può imparare a riappropriarsi del territorio, attraverso un impegno concreto e vestendosi da veri protagonisti.

E proprio in virtù della necessità di investire i cittadini della responsabilità di stimolare il territorio a vivere la città, che Santoro chiama a rapporto persone che attraverso la passione della musica, daranno modo di far comprendere al pubblico presente che la città dove la storia , che ha lasciato segni già 2000 anni fa, insieme alla cultura e la passione per le arti non si è mai fermata. Grazie alla supervisione di uno straordinario talento e voce come Gianni Scardamaglio, a cui è affidata la direzione Artistica, che sono accorsi alla chiamata altri cittadini da indiscusse doti tutti nel loro quotidiano rappresentanti di svariate classi sociali, e allora ecco che arrivano Band come i Q100, voci come Gianni Leone, Gianluca Festivo, accompagnati da veri e propri attivisti sociali come Mr Raf e Giò Varriale, trovano cornice in nuovi talenti come Carmy B e Kory, passando da realtà emergenti come Gerardo e Pasquale Schiava, per completare l’interpretazione teatrale di Luciana Noviello, senza farsi mancare il cabaret di Enzo Fischietti da Made in Sud.

Non mancherà la possibilità di visitare l’Arciconfraternità della SS Trinità, vero e immenso contenitore di storia, cultura e arte, basti pensare che all’interno è conservato un Cristo Ligneo e custode di alcuni elementi del 1500 che venivano usate in importanti processioni storiche. E allora ecco che Artigianato, Associazionismo come l’Ass. “Noi Insieme Rett” , la CRI di Ercolano, Ass. Saperi e Sapori, Il Gruppo Parrocchiale il Samaritano, faranno cornice insieme a gli storici giostrai F.lli Verde. Ercolano, il 16 Agosto 2019 dalle 17 alle 23 proverà a trasformare i cittadini in veri protagonisti del recupero delle tradizioni.

Potrebbe anche interessarti