Ercolano, Buonajuto dona parte dell’indennità per l’acquisto di pacchi alimentari

La solidarietà dei partenopei non conosce confini. A Napoli e dintorni continuano a moltiplicarsi le iniziative a sostegno dei più deboli: tra queste spicca il gesto di Ciro Buonajuto, sindaco di Ercolano, che in tempi di emergenza Coronavirus ha deciso di donare parte della sua indennità per l’acquisto di pacchi alimentari.

In attesa di conoscere i tempi e, soprattutto, l’entità del sostegno promesso dal Governo, noi sindaci non possiamo perdere altro tempo e rischiare che centinaia di famiglie delle nostre città arrivino letteralmente alla fame. Se i numeri relativi all’aspetto sanitario della vicenda mi danno un cauto ottimismo, sono preoccupato per il risvolto sociale che la chiusura forzata e lo stop di quasi tutte le attività stanno provocando a Ercolano.

Io ho deciso di intervenire in prima persona: devolverò una parte della mia indennità per l’acquisto di pacchi alimentari destinati ai Servizi Sociali che li consegneranno alle famiglie già presenti negli elenchi. Non li consegnerò di persona e non voglio neanche sapere a chi andranno, ma già da domani saranno una prima forma di sostegno immediato per decine di famiglie.

Come Comune, insieme a tutti i consiglieri comunali (che anche in proprio si stanno impegnando in favore dei più deboli), credo che tra domani e dopodomani dovremmo riuscire ad approntare un piano più organico per dare una risposta a chi vive in condizioni di disagio anche con il contributo di associazioni, volontari, parrocchie e imprenditori che vogliono fornire un contributo per aiutare i più deboli.

Per il momento, chiedo a tutti i negozi e supermercati del territorio di aderire all’iniziativa “Spesa Sospesa”. E chiedo a tutti coloro che hanno la possibilità di lasciare anche solo un euro alle casse, per chi non ha possibilità di spendere neanche quello. Noi siamo una comunità e nel momento del bisogno dobbiamo aiutarci e sostenerci l’uno con l’altro. Tutti insieme ce la faremo. Tutti insieme uniti ne usciremo migliori”.

In questa terribile crisi dovuta al Coronavirus, gesti come quello di Ciro Buonajuto infondono sempre più speranza. Facciamo in modo che queste iniziative di solidarietà non restino isolate, e che ognuno di noi si senta spinto a fare la sua piccola parte.

LEGGI ANCHE
De Luca: "Presto chiusura totale dei cantieri e delle attività in 550 Comuni"

Potrebbe anche interessarti