Ercolano piange Salvatore Imperato, storico tassista del Vesuvio: un’altra vittima di Covid

ercolano
Foto Facebook Salvatore Imperato

La città di Ercolano piange un’altra vittima di Covid-19. Ad annunciarlo è il Sindaco, Ciro Buonajuto, che sul suo profilo Facebook ha voluto esprimere le più sincere condoglianze alla famiglia dell’uomo scomparso precocemente:

“Oggi la città di Ercolano è più triste. Questo maledetto virus ha portato via Salvatore Imperato, tassista storico del Vesuvio, conosciuto da tutti. Ai suoi figli il mio cordoglio più sincero.”

L’uomo, di appena 60 anni, amato ed apprezzato per aver accompagnato in giro, nel corso degli anni, praticamente tutta la città e i turisti che volevano recarsi al Vesuvio, si è spento all’ospedale San Leonardo di Castellammare. Anche il Vicesindaco di Ercolano, Luigi Luciani, ha voluto esprimere la sua vicinanza per la dipartita dello storico tassista:

“Ci ha lasciato stanotte, vinto dal Covid, Salvatore Imperato, da tutti conosciuto come Patty Pravo per le sue doti da performer, tassista storico del Vesuvio, amato dai cittadini, ma soprattutto dai turisti. Il transfer per il Vesuvio con te era uno spettacolo teatrale, pieno di racconti e divertimenti. Sapevi cantare e ballare, mi hai sempre regalato il tuo sorriso e il tuo sostegno. Mancherai a tutti, saremo vicini ai tuoi splendidi figli.”

Centinaia, inoltre, sono stati i messaggi su Facebook da parte di tutti coloro che lo conoscevano e avevano avuto modo di viaggiare con lui:

“Eri una cara persona, mi hai vista crescere. Un dispiacere enorme. Per la tua famiglia, un vuoto incolmabile riposa in pace Salvatore.” E ancora: “Lo conoscevo da anni portava i miei figli a scuola…R. I. P…era una brava persona Salvatore.”

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più