Scavi di Ercolano, arriva il Mercato della Terra: prodotti a km 0 per tutti

Il Parco Archeologico di Ercolano domenica 6 giugno aprirà per i visitatori il Mercato della Terra. Un’iniziativa organizzata insieme a Slow Food e alla Cooperativa Sociale Giancarlo Siani, membri dell’ATS Parco Maiuri. I giardini del Parco Maiuri saranno la location perfetta per questo progetto: un open market che venderà tutti prodotti a km zero.

I Mercati della Terra fanno parte di un’iniziativa internazionale di Slow Food, e questa proposta è il fulcro della Fondazione: luoghi d’incontro dove i produttori locali possono esporre i loro prodotti di qualità direttamente agli acquirenti. Il tutto, ovviamente, con prezzi giusti e metodi di produzione sostenibili per l’ambiente, preservando la cultura alimentare autoctona e contribuendo a difendere la biodiversità.

Quest’iniziativa, già cominciata nel 2020 e poi sospesa per il Covid, è stata riproposta in virtù dei miglioramenti degli ultimi tempi. È stato stilato dunque un calendario per tutti gli appuntamenti del 2021, rigorosamente di domenica, cioè: 4 luglio, 1 agosto, 5 settembre, 3 ottobre, 7 novembre, 5 dicembre. I Mercati della Terra apriranno dalle 9.30 alle 13.00.

Saranno presenti una ventina di produttori dell’area vesuviana e della Campania, selezionati da Slow Food tra piccoli agricoltori e i produttori artigianali, con una dimensione aziendale che assicura alimenti di qualità. Gli stand saranno posizionati sui prati del Parco Maiuri, dunque ci sarà libertà di circolazione con un sufficiente distanziamento.

Ovviamente nel corso dell’evento si seguiranno rigidamente le norme anti-Covid, per cui non si potranno degustare i prodotti, ma solo acquistarli, a meno che non ci siano soluzioni come monoporzioni preconfezionate e sigillate. Inoltre la programmazione potrà subire qualsiasi modifica, compresa la cancellazione, a seconda dell’evoluzione della pandemia. Queste le parole del direttore del Parco, Francesco Sirano:

Il Parco Archeologico di Ercolano si apre all’esterno e mette in campo collaborazioni con soggetti attivi sul territorio. I Mercati della terra aprono la programmazione di attività volte ad animare il giardino mediterraneo dedicato al nome del celebre archeologo Amedeo Maiuri. Programma che sarà portato avanti da un gruppo di ben 13 associazioni del terzo settore.

Il Parco promuove e accoglie iniziative di inclusione della comunità. L’obiettivo è quello di far diventare il Parco Maiuri un luogo di incontro con la comunità territoriale, svolgendovi iniziative innovative che mettono in evidenza la grande attitudine di questi luoghi a fare comunità, a superare insieme le avversità, ma anche di saper creare qualità della vita in base ad un’esperienza millenaria.

Nel caso dei Mercati della Terra, ci rivolgiamo verso un campo oggetto di interesse e attenzione crescenti quale l’alimentazione sana con prodotti locali di qualità, peraltro legati alla tradizione millenaria dei luoghi vesuviani e alla documentazione archeologica di Ercolano”.

Potrebbe anche interessarti