Veleni a Ercolano, venerdì incontro pubblico in parrocchia

tg1 rifiuti ercolano

Prosegue la campagna di sensibilizzazione e informazione del gruppo Ambiente Vesuvio che ha tra i suoi membri don Marco Ricci, parroco nella chiesa Santa Maria della Consolazione – Sant’Agostino, a Ercolano. Dopo l’avvio della raccolta firme per chiedere al sindaco di dissotterrare i rifiuti tossici presenti (a detta di un pentito di camorra) nella cosiddetta discarica Amendola – Formisano, venerdì prossimo in parrocchia, alle ore 19, ci sarà un incontro pubblico per discutere della vicenda che è stata trattata anche dal tg1 con un servizio.

Già lo scorso 15 dicembre, nella chiesa di San Vito, avvenne un convegno che creò qualche malumore alla cittadinanza che partecipò non solo per le dichiarazioni del sindaco in riferimento ai fusti ritrovati a novembre in cava Montone quando affermò che sarebbe stato meglio se quei rifiuti fossero rimasti coperti, ma anche per come si svolse l’incontro: infatti ai cittadini non fu data la possibilità di intervenire. Quello di venerdì prossimo invece sarà proprio un incontro-dibattito dal titolo Rifiuti tossici ad Ercolano: dimenticanze, mala coscienza, connivenze ignoranza e responsabilità”.

Parteciperanno il magistrato Liana Esposito, Sostituto Procuratore della Direzione antimafia di Napoli, il Comandante della forestale per la Campania Sergio Costa, il vescovo di Acerra, l’ercolanese don Antonio Di Donna, Marianna Ciano del Gruppo Ambiente Vesuvio di Ercolano e interverrà ovviamente il parroco Ricci. Il dibattito sarà moderato dal giornalista del quotidiano cattolico “Avvenire”, Pino Ciociola.

Domani all’esterno della chiesa si potrà firmare per la petizione. Lo stesso avverrà nell’oratorio della chiesa del Pilar in via Alessandro Rossi con l’ausilio dei giovani del Forum di Ercolano

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più