Natale, poesia napoletana. Chi ha recitato almeno una volta questi versi?

poesia

Esistono versi scritti da Anonimi che prendono, tuttavia, la poderosa identità della tradizione e il suo racconto; in basso vi proponiamo una delle poesie napoletane natalizie più conosciute, forse, ma non riconducibile ad alcun autore famoso. La semplicità dei versi e la musicalità del dialetto tradizionale riescono a dipingere, perfettamente, le consuete scene casalinghe, che nella nostra città prendono vita nei giorni di natale, quando la famiglia è riunita, l’albero è illuminato e l’armonia del natale, assieme agli odori delle pietanze, invadono stanze ed animi.

Da decenni è il testo natalizio scelto, spesso, nelle scuole come poesia del natale e da decenni, bambini di diverse generazioni hanno recitato in napoletano, un pò stropicciato forse, queste parole. Facciamo un salto nel passato, quindi, poiché molti di noi l’hanno conosciuta e forse mai dimenticata. Non la traduciamo per evitare di impoverirla, anche se le parole non si impoveriscono mai se non sono cementificate in un concetto arido.

Natale

Cumm’è bell’Natale,

a sera d’a Virgilia è tutta n’allegria p’a nascit’e Gesù.

A tavola apparicchiata, l’arber’allumminato.

‘O presepio sta stutato pecchè a mezzanotte s’add’appiccià.

Mammà int’a cucina prepar’e cose bone

e frie ‘o capitone ca nun ce pò mancà!

” ‘A casa è chin’e fummo!” Allucca già papà

“arape stu balcone ca nun se pò respirà!”

O’nonno friddugliuso annanz’a nu vrasere

ch’e mmane dint’e mane se piglia tutt’o calore!

Natale è pruvverenza ce penz’ ‘o Bambiniello ‘o ricco e ‘o puveriello a tutti fa campà !

Potrebbe anche interessarti