Marco Pannella e il figlio napoletano che non riconobbe mai

Marco Pannella
Marco Pannella

Napoli – Tutta Italia si sta riunendo nel dolore per la scomparsa dello storico leader dei Radicali Marco Pannella. Una vita dedita alla lotta politica, alla difesa degli umili, anche mettendo a repentaglio la sua salute fisica: sono stati proprio i suoi continui scioperi della fame ed il suo attaccamento al fumo a causargli i due tumori fatali. In pochi, però, sanno della sua avventura politica e sentimentale nella città di Napoli.

Negli anni Ottanta, fino al 1988, Pannella fu, infatti, consigliere del Comune di Napoli. Quell’esperienza politica rafforzò il suo nome in tutto il meridione e fu un enorme trampolino di lancio per tantissimi giovani che si unirono intorno a lui nel movimento Radicale. A Napoli, però, il politico lasciò molto più di un manipolo di sostenitori: un vero e proprio pezzo di cuore. La storia è raccontata dallo stesso Pannella in un’intervista di qualche anno fa, rilasciata a Fabrizio Roncone, per “IO donna”, che qui riportiamo per intero.

M.P.: “Eravamo a Napoli, io uscivo dall’università, lei più giovane di me. Una ragazza napoletana con il cognome francese. Ci incontrammo e ci amammo con tutta la tenerezza possibile ma senza la volontà di concepire. Invece accadde”

F.R.: “E poi?”

M.P.: “Erano gli anni dell’aborto clandestino di massa, a migliaia abortivano in casa. Pensai che ogni decisione dipendesse da lei. Feci un passo indietro. Anni dopo, da alcuni compagni di classe, seppi che aveva deciso di portare a termine la gravidanza”

F.R.: “E ha mai cercato di vederlo, quel bambino?”

M.P.: “No, avrei mancato di rispetto a entrambi, a lui e a sua madre”

Non è mai stata rivelata l’identità della donna e del bambino, che ora dovrebbe avere poco meno di trent’anni. Un segreto che Marco Pannella ha conservato fino alla fine dei suoi giorni, per rispetto del suo amore napoletano.

Potrebbe anche interessarti