Vigile violento, arriva il provvedimento di de Magistris: “È indifendibile”

vigile-urbanoIl fatto è avvenuto mercoledì scorso, quando un docente dell’Università Federico II di Napoli ha filmato col suo cellulare un vigile urbano nell’atto di parcheggiare la sua auto – in via Lepanto – in un posto riservato ai disabili, e la violenta e superba reazione dello stesso di fronte alle rimostranze del professore di ingegneria, Nicola Pasquino. Ieri sono arrivate, invece, le prime parole e i primi provvedimenti (al momento solo annunciati a dire il vero) che saranno presi contro il funzionario pubblico direttamente per bocca del sindaco Luigi de Magistris, molto irritato per l’episodio.

Da quello che si vede nelle immagini – ha tuonato il primo cittadino napoletano ai microfoni di Radio Kiss Kiss – siamo di fronte a fatti inaccettabili. Ho dato mandato per l’apertura di un procedimento disciplinare e non guarderemo in faccia a niente e nessuno se ci saranno provvedimenti da prendere. Certo, siamo in un Paese democratico e garantista, quindi faremo tutte le verifiche del caso e permetteremo alla persona che si è macchiata di simili episodi di difendersi e spiegare le sue ragioni, anche se sembra indifendibile, guardando il video“.

Il vigile urbano ora rischia una sospensione immediata che può andare dai 5 ai 10 giorni, ma anche il licenziamento in tronco per giusta causa. Abuso di potere, violenza e percosse, tra i reati di cui potrebbe essere incriminato. Nel frattempo sulla vicenda vuole vederci chiaro anche il comandante Ciro Esposito, che ha espressamente richiesto una relazione al vigile urbano protagonista della triste vicenda e al suo diretto superiore. Nei guai potrebbe, inoltre, finirci anche il collega che – come si evince sempre dalle immagini – sembra avallare il comportamento quantomeno scorretto dell’uomo in divisa.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più