Video. “Napoli senza identità”: la splendida risposta dei Napoletani a Mughini

Giampiero Mughini, personaggio noto per la sua partecipazione a talk shows calcistici, di nota ed accesa fede juventina ma di origini siciliane – da egli stesso rinnegate – a Tiki Taka si è sentito in dovere di dire la propria opinione sulla città di Napoli, affermando che essa non abbia “talmente tante altre” identità oltre quella calcistica.

Chi conosce, poco, la città ed i suoi quasi 3000 anni di storia, può semplicemente giungere alla conclusione che le parole di Mughini corrispondono al falso. Sarebbe un gioco inutile ed anche da macchietta quello di enumerare le varie caratteristiche che concorrono a creare l’unica, grossa e fortissima identità di Napoli che va ben oltre l’ambito calcistico, il quale ha preso piede da neanche un secolo: se fosse come sostiene l’opinionista, vorrebbe dire che Napoli abbia cancellato ben oltre due millenni di storia. Sappiamo che non è così, dunque andiamo avanti.

La circostanza che infastidisce i Napoletani, nel caso di Mughini come in tanti altri, è la pretesa di tutti questi personaggi di dare lezioni e sviscerare i problemi di Napoli senza conoscere affatto la città o conoscendola molto poco, o peggio attraverso racconti di seconda mano. Sono persone che vengono dal nulla a pontificare su ogni cosa riguardi la città partenopea, avendo la presunzione di essere nel giusto: non esprimono opinioni, ma sentenze inappellabili.

Il problema, perciò, non è che si parli di Napoli e si evidenzino i suoi problemi, ma il parlarne senza cognizione di causa gettandole sopra del fango: un atteggiamento che mai si sognerebbero di avere nei confronti di altre città italiane che hanno gli stessi problemi. Una volta sollevato il polverone, puntualmente, se ne tornano da dove erano venuti per palesarsi alla prossima occasione buona.

Il bello dei Napoletani, tuttavia, è che non ci stanno e fanno sentire la propria voce, tutti insieme. Ecco la splendida risposta a Giampiero Mughini, realizzata dai cittadini e dalla Hangover Entertainment:

Potrebbe anche interessarti