Video. Foggia promosso in B, i tifosi cantano: “Che bello se erutta il Vesuvio”

Giù in altre circostanze era emerso che ad alcuni tifosi del Foggia stessero antipatici i Napoletani e la città dove costoro vivono, un odio espresso attraverso alcuni cori di stampo razzista cantati a squarciagola in curva, e fatti cantare anche ai bambini.

Un’avversione che è emersa anche in occasione dei festeggiamenti per la promozione in serie B, festeggiata cantando: “Che bello se erutta il Vesuvio, scompare tutta la Campania”. È impossibile, in questo caso, parlare di sfottò: è ignoranza, è odio, è augurare la morte di milioni di persone.

Per fortuna non tutti i foggiani hanno tale atteggiamento verso la città di Napoli e la regione di cui essa è capoluogo. Un esempio tra tutti è rappresentato da Renzo Arbore, il quale si è sempre dichiarato innamorato della cultura partenopea, di sentirsi anche napoletano e si è impegnato per diffondere la Canzone Napoletana. È stato, inoltre, colui che ha proposto una laurea ad honorem per Totò, richiesta accordata dall’Università Federico II.

Potrebbe anche interessarti