Da Via Caracciolo fino a Posillipo mare promosso dal Ministero della Salute

via caracciolo

Buone Notizie per i bagnanti partenopei che, da oggi in poi, potranno finalmente immergersi senza problemi nelle acque del lungomare fino a Possilipo. Bollino verde per le acque di Napoli considerate da Arpac e ministero della Salute salubri perciò balneabili. Bocciatura invece per le ex aree industriali di San Giovanni a Teduccio e tutta l’area orientale e di tutto il sito di interesse nazionale Coroglio-Bagnoli che, come noto, attendono oramai da anni un’operazione di bonifica che stenta ad arrivare.

A darne conferma nella giornata di ieri, proprio alla vigilia del primo giorno di primavera, il sindaco Luigi de Magistris che, tramite un’ordinanza emessa sulla scorta di una delibera della Regione e di un decreto del ministero della Salute, ha ufficialmente annunciato le aree considerate balneabili e quelle invece interdette.

Promozione a pieni voti per tutto il tratto che da Posillipo porta al lungomare. Bollino verde per Porto Paone a Punta Annone, Cala Badesa, Grotta dei tuoni, Cala San Basilio, Finestrella di Marechiario, Villa Rosebery, Grotta del Brigante, Scoglio del Frisio e il Circolo Posillipo, considerate addirittura eccellenti così come il tratto innanzi via Ferdinando Galiani, Piazza Vittoria, Fontana dell’Immacolata, Molosiglio e Castel dell’Ovo.

Bollino rosso invece per le acque tra gli ex Cantieri Partenope e Sannicandro e Museo di Pietrarsa.

Arpac e ministero della Salute dicono sì e ritengono eccellenti le acque del lungomare fino a Posillipo, bocciatura – ed è noto da anni per le mancate bonifiche – per le ex aree industriali di San Giovanni a Teduccio e tutta l’area orientale e di tutto il sito di interesse nazionale Coroglio-Bagnoli.
Ieri il sindaco Luigi de Magistris ha emesso un’ordinanza, sulla scorta di una delibera della Regione e di un decreto del ministero della Salute – nella quale sono censite le aree balneabili e quelle interdette. Buone notizie per tutto il tratto da Posillipo al lungomare. Da Porto Paone a Punta Annone e fino alla Cala Badesa, passando per la Grotta dei tuoni, Cala San Basilio, Finestrella di Marechiario, Villa Rosebery, Grotta del Brigante, Scoglio del Frisio, il Circolo Posillipo, sono definite eccellenti. Così come il tratto innanzi via Ferdinando Galiani, Piazza Vittoria, Fontana dell’Immacolata, Molosiglio, e Castel dell’Ovo. Non balneabili, le acque tra gli ex Cantieri Partenope e Sannicandro e Museo di Pietrarsa.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più