Saldi estivi 2017, manca poco! Ecco quando inizieranno in Campania

In Italia la crisi è sempiterna, ma in tempo di saldi ci si può concedere qualche spesa extra. Quelli estivi, con giugno ormai alla fine della prima decade, sono praticamente alle porte. Quest’anno, infatti, in tutta Italia, i saldi estivi inizieranno il 1 luglio, mentre la data di chiusura varierà di regione in regione.

Anche per quest’ondata di promozioni, la Guardia di Finanza ha diramato un vademecum per evitare truffe e fregature. Ecco tutti i consigli:

Prezzi

Lo sconto deve essere espresso in percentuale e sul cartellino deve essere indicato anche il prezzo normale di vendita (art. 15 D.lgs 114/98). I prodotti in saldo dovrebbero comunque essere ben separati da quelli non scontati al fine di evitare la possibile confusione tra prodotti in sconto e prodotti a prezzo pieno.

Il venditore è tenuto ad applicare lo sconto dichiarato; se alla cassa viene praticato un prezzo o uno sconto diverso da quello indicato, sarà bene comunicarlo al negoziante e non esitare, in caso di difficoltà, a contattare l’ufficio di Polizia Annonaria del Comune.

I negozianti convenzionati con una carta di credito sono tenuti ad accertarla anche nel periodo dei saldi. Se si rifiutano di permettere il pagamento con la carta o richiedono per l’utilizzo un prezzo più elevato, sarà bene rappresentarlo alla società che ha emesso la carta.

Prove e Cambi

Consentire la prova dei capi non è un obbligo, ma è rimesso alla discrezionalità del negoziante. Quando è possibile, sempre meglio provare l’articolo scelto, ricordando che, in assenza di difetti, la possibilità di cambiare il capo o il prodotto non è imposta dalla legge, né durante i saldi né durante le vendite normali, ma è anch’essa rimessa alla discrezionalità del commerciante. Se si è incerti sull’acquisto sarà utile chiedere al negoziante se è possibile effettuare un cambio e il limite di tempo per farlo.

Per ulteriori info, qui troverete tutte le direttive della GdF.

IL CALENDARIO DEI SALDI ESTIVI 2017

Abruzzo: dal 1 luglio al 30 agosto 2017

Basilicata: dal 1 luglio al 2 settembre 2017

Calabria: dal 1 luglio al 1 settembre 2017

CAMPANIA: dal 1 luglio al 30 agosto 2017

Emilia-Romagna: dal 1 luglio al 30 agosto 2017

Friuli-Venezia-Giulia: dal 1 luglio al 30 settembre 2017

Lazio: dal 1 luglio per 6 settimane

Liguria: dal 1 luglio al 15 agosto 2017

Lombardia: dal 1 luglio al 30 agosto 2017

Marche: dal 1 luglio al 1 settembre 2017

Molise: dal 1 luglio al 30 agosto 2017

Piemonte: dal 1 luglio per 8 settimane non consecutive

Puglia: dal 1 luglio al 15 settembre 2017

Sardegna: dal 1 luglio al 30 agosto 2017

Sicilia: dal 1 luglio al 15 settembre 2017

Toscana: dal 1 luglio al 30 agosto 2017

Umbria: dal 1 luglio al 30 agosto 2017

Valle D’Aosta: dal 1 luglio al 30 settembre 2017

Veneto: dal 1 luglio al 31 agosto 2017

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più