Otto libri rari tornano a Napoli dopo oltre 70 anni: ecco in che modo

Libri antichi

Otto volumi rari e antichi datati tra il 1533 e il 1789, appartenenti alla Biblioteca Universitaria di Napoli e scomparsi durante la Seconda Guerra Mondiale, sono tornati nella loro città dopo oltre 70 anni. Tra i libri sono presenti una traduzione in latino di un’opera di Isaac Newton, una edizione di “Fiammetta” del Boccaccio del 1533, una selezione di opere del Petrarca del 1542 e una grammatica della lingua ebraica edita a Colonia nel 1567.

La restituzione è stata resa possibile grazie al veterano 96enne Irvin Tross, il quale mise in salvo i libri che trovò tra le macerie del convento di Minturno, e li ha consegnati alla “Monuments men foundation” di Robert M. Edsel – Edsel stesso ha quindi portato i volumi all’Ambasciata Italiana a Washington che a sua volta li ha messi su un aereo per Napoli.

Potrebbe anche interessarti