Napoli non ha soldi per Natale, de Magistris chiede aiuto: “Colpa del Governo”

Più che accendersi a Napoli le luci sul Natale potrebbero presto spegnersi. E’ questa la denuncia, barra appello, fatta dal sindaco Luigi de Magistris a poco meno di due mesi dalla festività più attesa dell’anno. A causa dei tagli alle spese dettati dal Governo, infatti, il Comune sarà costretto a limitarsi solo a quelle di prima necessità, tra cui certo non rientrano gli esborsi per le luminarie e gli addobbi natalizi.

La rivelazione del primo cittadino è giunta tramite i canali mediatici di Radio Kiss Kiss, alla quale de Magistris ha rilasciato un’intervista dove ha spiegato che “a causa dei vincoli normativi e finanziari imposti dal Governo ci dicono che dobbiamo limitarci alle spese obbligatorie, in pratica senza sostenere le spese per il Natale“.

Una eventualità alla quale, tuttavia, Luigi de Magistris non vuole rassegnarsi. Per questo ha voluto fare un appello “alle forze economiche della città e alle grandi associazioni di categoria” per trovare una soluzione di cui possa beneficiare l’intera cittadinanza: “Noi daremo il massimo e troveremo il modo di fare il Natale, ma chiedo a tutti di lavorare insieme, uniti nel dare ognuno il proprio contributo, perché la città è un bene comune“.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più