Movida a Napoli, no all’alcol in vetro dopo mezzanotte: spunta la birra in plastica

Piazza Bellini
Piazza Bellini

A seguito dell’ordinanza posta dal Comune di Napoli per cercare di arginare la movida nel centro storico, è tornata in auge la birra in plastica. Difatti diversi locali nel cuore della città partenopea, che accolgono giovani di ogni fascia d’età, hanno trovato questo escamotage. Moltissimi commercianti del centro storico difatti hanno iniziato a vendere la birra nelle bottiglie di plastica.

L’ordinanza prevede lo stop “alla vendita d’asporto di alcolici in vetro e in lattina dalla mezzanotte alla chiusura del locale”. Chiusura fissata alle 2 da domenica a mercoledì e alle 3 da giovedì a sabato, troppe ore quindi senza poter smerciare la fonte principale dei loro guadagni.

Un vero e proprio colpo di genio che ha permesso ai commercianti di zona di bypassare l’ordinanza del Comune. Lo snodo sta proprio in un cavillo del provvedimento, dove non sono presenti le parole “plastica” o “Pet”. Questo è stato preso in seguito alle troppe bottiglie di vetro che spesso venivano utilizzate come oggetto per un tiro al bersaglio all’interno del perimetro delle mura greche, diventando così non più monumento storico e archeologico ma discarica abusiva ripulita periodicamente dalle associazioni di volontari.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più