Allarme Terra dei Fuochi: anche gli animali affetti da tumore

cane-operato-665x363

La terra dei fuochi miete vittime non solo tra gli esseri umani. Nelle zone ritenute maggiormente a rischio anche gli animali continuano ad ammalarsi di tumore. Una verità sconvolgente, che inquieta e mette paura.

L’allarme è stato lanciato già qualche anno fa dal documentario inchiesta “Biutiful Cauntri” che già nel 2009 parlava di animali deformi nati nella Terra dei Fuochi (anche se all’epoca al triangolo della morte non era ancora stato dato un nome).

E dopo gli agnelli e le pecore di Acerra affetti da gravissime malformazioni si registra un altro sconvolgente fenomeno riguardante l’esplosione sempre più massiccia di casi tumorali tra gli animali che vivono in Campania.

Proprio come accaduto a Sorriso, il cagnolino di 8 anni che viveva nella discarica di Giugliano e a cui è stato asportata una massa tumorale di oltre 4 chili -già proprio 4 kg-. L‘esame citologico ha confermato: era un tumore maligno e se Sorriso non fosse stato operto sarebbe certamente morto.

L’intervento è durato circa 3 ore e adesso si cerca una casa per non farlo ritornare tra i rifiuti. Ma la storia di Sorriso, per quanto triste e deprimente, apre le porte ad un nuovo incubo, perché Sorriso non è l’unico ad essere affetto da una simile patologia.

Francesco Assenza, il veterinario che ha operato il cagnolino confessa: «Solo nell’ultimo mese ho operato dieci animali domestici, fra cani e gatti, malati di tumore. Non abbiamo statistiche ufficiali, ma in base alle mie esperienze personali posso dire che l’impennata di neoplasie non è un fenomeno circoscritto solo agli esseri umani. Per avere dati certi – continua Assenza – dovremmo avviare uno screening sanitario che permetta di appurare il tasso di incidenza tumorale sugli animali che vivono in questo territorio. Sarebbe compito dell’Istituto Zooprofilattico di Napoli raccogliere i dati dai vari Comuni, elaborarli e diffonderli».

Ovviamente la questione si fa ancora più complessa vista la difficoltà riscontrata anche nel realizzare un registro dei tumori per gli esseri umani, eppure come dice Assenza: « Gli animali sono degli ottimi termometri ambientali e conoscere i loro problemi aiuterebbe anche a conoscere di più e meglio di noi». Adesso però bisogna trovare una casa a Sorriso che l’accolga e lo salvi dai rifiuti prima che si ammali nuovamente.

Potrebbe anche interessarti