Enrico Caruso finisce su un murales a Napoli, a 145 anni dalla nascita

Nel febbraio di 145 anni fa nasceva a Napoli Enrico Caruso, uno dei simboli più conosciuti della città partenopea nel mondo, soprattutto per la sua celebre interpretazione di ‘O sole mio che a distanza di decenni ancora emoziona.

Per tale occasione, nei giorni scorsi, il Comune di Napoli ha organizzato una celebrazione nella chiesetta di via Sangiovanniello, nei pressi della casa in cui crebbe il noto tenore. Ma la cosa particolare è che per l’evento è stato realizzato un murales, che ritrae appunto Caruso, sul muro del commissariato di Polizia Stella-San Carlo, in piazza Ottocalli. A diffondere le prime foto dell’opera il presidente della III Municipalità del Comune di Napoli, Ivo Poggiani.

Enrico Caruso nacque a Napoli il giorno 25 Febbraio 1873. Emise il primo acuto nel quartiere San Carlo all’Arena colui che diventerà uno dei più grandi tenori di sempre, se non proprio – ed è cosa molto probabile – il più grande. Le sue doti canore si manifestarono sin dall’infanzia grazie all’attività nel coro parrocchiale, dove si distinse per alcune mansioni solistiche, e suscitarono l’interesse di vari “maestri” di musica. Quella del canto costituì inizialmente una seconda attività per Caruso, infatti la prima era quella di lavorare nella stessa fonderia di cui il padre era operaio. Grazie alla dedizione e al suo enorme talento, tuttavia, divenne il grande artista di cui tutta la città di Napoli è orgogliosa.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più