A Napoli si potrà mangiare una pizza e aiutare i malati di Alzheimer

La pizza napoletana, uno dei piatti napoletani più conosciuti al mondo, la cui arte è riconosciuta come Patrimonio Unesco, è destinato a diventare “mezzo” di aiuto per gli ammalati di Alzheimer.

Infatti, l’associazione di promozione sociale Amnesia, l’Istituto Nazionale della Pizza, e l’associazione Regina Margherita hanno promosso una particolare iniziativa in tal senso.

Il tutto sarà presentato lunedì 12 marzo, alle ore 11, presso la pizzeria Cacialli in via San Giovanni a Carbonara a Napoli. Come riporta l’Ansa le modalità di svolgimento sono già note.

Mangiando una pizza, ogni primo giovedì del mese, in una nelle pizzerie aderenti si contribuirà ad aiutare Amnesia nella sua opera, visto che una parte degli incassi le saranno devoluti per sostenere le sue attività psicosociali, svolte nella sede di Villaricca.

Inoltre, sempre nel primo giovedì nel mese, nelle pizzerie, ci sarà anche una teca, utile per raccogliere le offerte libere sempre per l’attività di Amnesia che, tra l’altro, compie la sua opera su un bene confiscato alla criminalità.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più