“Napoli sfregiata”, via gli antichi basoli da Porta Capuana: la denuncia

Porta Capuana rappresenta una delle zone storiche più importanti di Napoli, essendo stata la principale porta d’accesso della città e centro di collegamento per le strade secondarie.

Anche per Porta Capuana, così come per altre importanti zone della città, è però arrivato, sempre per scelta del Comune in accordo con la Sovrintendenza, il momento della rimozione dei secolari basoli vesuviani che dànno storia e autenticità al paesaggio e alla cultura della città.

Una scelta progettata per dei lavori di restyling delle strade del centro storico che dividono tutti. A lavori ultimati dovrebbero essere rimessi al loro posto, ma c’è chi ne dubita.

C’è infatti chi crede che i basoli non verranno mai più riposizionati perché una volta rimossi sarà quasi impossibile incastrarli tra di loro, tagliarli o sagomarli, e chi invece resta fiducioso, nonostante molti di essi siano stati danneggiati.

Nel peggiore dei casi, i basoli vesuviani potrebbero essere sostituiti anche questa volta con quelli in pietra etnea, sicuramente più facili da lavorare ed economici, ma che azzereranno del tutto l’antica particolarità e autenticità delle nostre strade.

“Continua la scandalosa rimozione della pavimentazione lapidea della città perpetrata dal Comune di Napoli con l’avallo della Sovrintendenza – Proseguono i restyling che stanno violando il Codice per la tutela dei Beni Culturali e del Paesaggio e stanno alterando, irrimediabilmente, l’identità storica del territorio, è con queste parole che Antonio Pariante del Comitato di S. Maria di Portosalvo, lancia un attacco alla Soprintendenza, speranzoso che il suo grido di ribellione possa fermare tutto questo scempio.

Potrebbe anche interessarti