Napoli, dopo 38 anni torna la processione di Santa Rita alla Speranzella

Dopo circa 40 anni torna la processione di Santa Rita alla Speranzella, nel cuore del centro storico di Napoli. L’appuntamento è fissato per domenica 27 Maggio 2018 alle ore 17,30, con partenza dalla chiesa della Reale Arciconfraternità del SS. Rosario in Santa Rita Alla Speranzella a Toledo, in via Speranzella.

La processione, come detto, manca dal 1980, ma torna ad arricchire la pietà popolare dei Quartieri Spagnoli, soprattutto con la visita al trono della Taumaturga di Cascia Santa dei casi impossibili. La Chiesa alla Speranzella venne fondata nel 1540 dal chirurgo spagnolo Francisco Cuevas, che donò la propria abitazione per trasformarla in convento. Il convento, dopo una serie di trasferimenti da una famiglia spagnola all’altra, passò prima ai carmelitani e poi agli agostiniani, per poi essere soppresso nel 1808, due anni prima della dedicazione della chiesa a santa Rita.

La santa di Cascia è una delle Sante più amate ed è oggetto di una straordinaria devozione popolare perché è molto amata dal popolo che la sente “molto vicina” per l’esistenza vissuta, prima come sposa e madre, poi come vedova e infine come monaca agostiniana.

Definita la “santa dei casi impossibili” per le sue numerose e documentate intercessioni, santa Rita è anche detta la Santa della “Spina” e la Santa della “Rosa”. Quest’ultimo “titolo” le è stato conferito per il prodigio avvenuto circa 5 mesi prima dalla sua morte, quando in un giorno di inverno ricevette la visita di una parente alla quale chiese una rosa dal suo orto. Tornata a casa, la stessa parente si recò nell’orticello e grande fu la meraviglia quando vide una bellissima rosa sbocciata, che poi colse e portò a Rita.

Potrebbe anche interessarti