Napoletani, bimbi e immigrati uniti: 250 persone hanno pulito la Villa Comunale

Napoli- Se per tanti la scorsa domenica è stata una giornata dedicata al relax, dopo una dura settimana di lavoro, per circa 250 persone è stata una giornata dedicata alla riqualificazione ambientale della nostra città. Infatti nella giornata di ieri sono stati in tantissimi a rispondere ad un “appello” fatto su Facebook che invitava la popolazione a presentarsi domenica 23 settembre alla Villa Comunale, con tanto di arnesi da lavoro, per ridonare un aspetto dignitoso alla bellissima struttura che si trova nella nostra città.

Al fine di ottimizzare il lavoro, i volontari si sono divisi in gruppi: quelli addetti a raccogliere le foglie secche, i “pollici verde”, quelli dediti alla raccorta dei mozziconi, quelli che pulivano i prati della villa da altri rifiuti, tutto organizzato alla perfezione anche nel rispetto delle regole della raccolta differenziata.

Una grande festa in un clima sereno e gioioso dei molti che si sono resi protagonisti di un grande gesto: pulire per amore della propria terra. Questa iniziativa ha inoltre richiamato persone di ogni età e provenienza. In particolare è stato belle vedere intere famiglie con i loro figli minorenni accorrere in Villa così da dare un insegnamento pratico di educazione civica ai loro bambini, inculcando da piccoli l’importanza del rispetto e della salvaguardia della propria città. Anche molti stranieri, soprattutto immigrati e persone di colore che, con un grande sorriso hanno collaborato alle pulizie della villa, anche se non sono nati in questa città, ma la amano allo stesso modo di un autoctono. Ma la vera mascotte del gruppo è stato un nonnino di 87 anni, che con scopa e guanti si godeva la bellissima giornata di ieri, raccogliendo foglie nel prato.

L’evento è stato promosso dalle associazioni Sii Turista della tua Città e Premio GreenCare Ets, in collaborazione con il Museo e Real Bosco di Capodimonte e con il supporto dell’Assessorato al Verde del Comune di Napoli, presente l’assessore Maria D’Ambrosio.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più