La Biblioteca di Scampia fa un anno: Amazon regala un’intera area multimediale

In un posto in cui la Camorra, le uccisioni, le faide e la malavita padroneggiano, si continua a combattere per restituire tranquillità e pace ai cittadini onesti, che continuano a credere che il meglio c’è, esiste e non è irraggiungibile.

Scampia, un quartiere periferico di Napoli, famosissimo soprattutto per le atrocità che negli anni passati si sono consumate al suo interno, ha da tempo intrapreso un percorso di rinascita che sta dando ottimi risultati, volto a cancellare e dilatare quella patina e quella fama che la dipinge come posto “malfamato e pericoloso”.

Tra le tante opere aperte e create a Scampia c’è la Biblioteca dedicata a Gelsomia Verde, ragazza onesta uccisa in modo atroce da affiliati di un clan camorristico, divenuta oggetto di una vendetta trasversale.

La Biblioteca inaugurata circa un anno fa e che sorge in un stabile in passato adibito come magazzino per custodire armi illegali, oggi riceve un regalo da Amazon: un’area multimediale.

Amazon presenta l’area multimediale donata alla Biblioteca di Scampia nell’ambito del progetto Amazon nella Comunità, finalizzato a dare un contributo alle comunità dei Paesi in cui Amazon opera.

L’evento si terrà lunedì 17 dicembre alle h 11:00 presso la sede della Biblioteca di Scampia, situata nel centro Officina delle Culture Gelsomina Verde, ex istituto scolastico utilizzato per lungo tempo dalla camorra come deposito di armi e ricovero abusivo per tossicodipendenti.

La Biblioteca di Scampia è stata realizzata all’interno del progetto di promozione culturale e sviluppo sociale ideato da Anart – Associazione Nazionale Autori Radiotelevisivi e finanziato da SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori. Questo progetto, prodotto da HDRA’, vede anche il sostegno di AIB – Associazione Italiana Biblioteche, dell’Associazione Amici di Città della Scienza, di AIE – Associazione Italiana Editori ed è patrocinato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli.

Tra i relatori: Ciro Corona, Presidente dell’Associazione (R)esistenza Anticamorra; Giorgio Busnelli, Media Director di Amazon.it e Amazon.es; Diego Guida, Vice Presidente AIE e Antonio Marchiello, Assessore regionale alle Attività Produttive.

Un modo, volto al bene sociale, per integrare nuove attività al suo interno e strappare dalla strada quanti più bambini possibile, facili vittime e ostaggi del grigio mondo della delinquenza.

Inoltre, la missione umanitaria di Amazon non finisce qui. Sul profilo ufficiale Amazon.it è possibile per gli utenti accedere alla Lista dei Desideri, così da poter donare articoli e contribuire a sostenere la Biblioteca di Scampia.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più