Napoli, da avvocato a senzatetto: il dramma di Ludovico, costretto a vivere in strada

clochard

Da avvocato a senzatetto nel giro di pochi mesi. La storia di Ludovico racconta la difficile situazione economica in cui versa il nostro Paese, dove il lavoro scarseggia e nel giro di un attimo ci si può ritrovare senza più nulla. Questa è la storia di un avvocato civilista di Napoli di 55 anni, finito in povertà dopo che lo studio presso cui lavorava ha chiuso. La sua vita gli si è sgretolata davanti agli occhi. Il Mattino ha raccontato la storia di Ludovico, il quale è stato abbandonato dai familiari ed è costretto a vivere per strada, nella zona di Piazza Vanvitelli.

Quasi nessuno si accorge di lui. Sono in pochi, infatti, a lasciargli qualche euro. Piccole donazioni che gli permettono di sopravvivere, per quanto possibile. L’unica distrazione di Ludovico è la lettura: “Qui dentro ho i libri che sono riuscito a portare con me – racconta al Mattino -. La lettura mi ha tanto aiutato in questi ultimi mesi“.

Come detto, Ludovico è stato abbandonato dai familiari. Sfrattato di casa dalla seconda moglie del padre, aveva trovato un appoggio presso l’abitazione del fratello. Anche quest’ultimo alloggio, però, non era più disponibile. Quindi, l’avvocato diventato oramai un senzatetto è costretto a vivere per strada.

A seguito della notizia della storia di Ludovico, in tanti si sono mobilitati per aiutarlo. Come riporta Il Mattino, l’uomo ha finalmente trovato una nuova casa: “Vorrei dire una sola parola, e nient’altro: grazie. Non avrei mai immaginato tanto affetto e tanta solidarietà. Quello che mi è mancato dalla famiglia – ha detto Ludovico – l’ho avuto, incredibilmente, dagli estranei“.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più