L’allarme di Perrella: “Il centro di Napoli in mano alla camorra. Salvini? Solo promesse”

Napoli – È un vero e proprio allarme quello lanciato da Giampiero Perrella, presidente della IV Municipalità del Comune di Napoli. Dopo la bomba carta da Sorbillo, è un’altra pizzeria storica, quella di Di Matteo, a essere destinataria di colpi di arma da fuoco. Ma non solo: in tutto il centro storico sono diverse le attività che denunciano atti intimidatori, tra cui perfino degli attentati incendiari.

“Il centro storico di Napoli è in mano a bande criminali. Gli episodi ormai si verificano puntualmente di notte quando la presenza delle pattuglie per strada si riduce. Questa volta i proiettili hanno colpito la storica pizzeria Di Matteo di via Tribunali, ma è da tempo che ormai l’intero quartiere è preda di questi atti criminali. La camorra insomma ancora una volta sta sfidando lo Stato. Pretendo sicurezza per i miei concittadini. Non si può consentire di continuare a sparare per strada come in un far west”. Così Giampiero Perrella, Presidente della IV Municipalità di Napoli.

“Pochi giorni fa in via Maria Longo nella zona degli Incurabili – spiega Perrella – hanno sparato di notte contro le finestre delle abitazioni. Poteva scapparci qualche morto innocente. Mi auguro solo che l’attività investigativa, verso la quale nutro molta fiducia, porti al più presto i primi risultati. La Municipalità tuttavia chiede da subito telecamere e una presenza maggiore di pattuglie anche di notte”.

“Dove stanno – conclude Perrella – le politiche per la sicurezza nella nostra città promesse dal Ministro Salvini? Purtroppo la propaganda è come le bugie, ha le gambe corte. Ed è evidente ormai che il tema della lotta alla camorra e alle mafie è scomparso dall’agenda del Governo Lega – 5 Stelle”.

Potrebbe anche interessarti