Del Re, spunta uno “strano” viaggio ad Amsterdam. Sparatoria collegata al raid a scuola?

Napoli – Emergono nuovi particolari e retroscena sulla la vicenda dell’agguato a Piazza Nazionale dove è rimasta gravemente ferita la piccola Noemi. Per la sparatoria si trova ora in carcere Armando Del Re ritenuto responsabile insieme al fratello che lo avrebbe aiutato poi a nascondersi. I due fratelli sarebbero coinvolti in un grosso giro di droga; inoltre la vicenda potrebbe essere collegata all’altra sparatoria avvenuta a San Giovanni a Teduccio all’esterno di una scuola.

I due fratelli Armando e Antonio compaiono, infatti, in un’inchiesta del Gico della Guardia di Finanza su un traffico di droga gestito dal clan Amato-Pagano insieme ad altri clan della zona orientale di Napoli. A testimonianza di questo ci sarebbe un viaggio di Armando Del Re ad Amsterdam il 10 aprile scorso che avrebbe giustificato come un semplice viaggio di piacere .

Con Armando ci sarebbe stato anche Antonio Marigliano, considerato uno dei reggenti del clan Formicola che è attualmente la fazione camorristica egemone a San Giovanni a Teduccio. A questo punto le vicende di intrecciano: al Rione Villa, feudo dei Formicola, dove è avvenuta la sparatoria fuori la scuola, Armando Del Re si recava quotidianamente gestendo lo spaccio di droga.

Questo è quanto è stato ricostruito dal Gip di Nola che ha confermato la custodia in carcere per Antonio, il fratello di Armando. Dunque, proprio il legame dei fratelli Del Re e gli affiliati del clan Formicola di San Giovanni a Teduccio sarebbe alla base del movente che avrebbe spinto l’uomo a sparare a Piazza Nazionale.

La vittima dell’agguato, Salvatore Purcaro, è legata al clan Reale del Rione Pazzigno di San Giovanni. Una faida interna ai clan di Napoli Est sarebbe alla base di queste sparatorie.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più