Napoli, decine di cassonetti in fiamme nella notte. Danni di almeno 20mila euro

Foto: pagina Fb del consigliere Francesco Emilio Borrelli

Il caldo a Napoli si sta facendo sentire e non solo, ma anche puzza di diossina al centro storico. Negli ultimi cinque giorni sono state bruciate 48 campane e molti cassonetti dei rifiuti.

Incendi dolosi, sicuramente, appiccati dalla malavita, molto probabilmente. Infatti, chi ha dato fuoco ai cassonetti erano bande di delinquenti dal volto coperto, che lanciavano tizzoni infuocati dai loro scooter. Altresì, auto e motorini, poi, hanno cominciato ad andare a fuoco. Un aumento di atti barbarici che non si constatavano da cinque anni nel capoluogo campano.

Intanto, la Procura ha iniziato le indagini, ma gli operatori Asia sono molto turbati per l’accaduto. Circa una ventina di cassonetti dati alla fiamme nella notte nel centro di Napoli – comunica il consigliere Francesco Emilio Borrelli sulla sua pagina Fb – Danni per almeno ventimila euro. Manterremo la guardia alta su questo fenomeno, i responsabili devono essere identificati e puniti” .  Napoli sembra che sarà sempre presa d’assalto dalla malavita, che da troppo fa da padrona. I cittadini, come dovere, devono sempre denunciare ciò che vedono. Napoli soffre, Napoli non ne può più dei delinquenti.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più