Proposta di matrimonio abusiva. Chiede di sposarlo occupando il belvedere di Sant’Antonio

stand abusivoNapoli – Nella serata di ieri è stata segnalata una proposta di matrimonio all’insegna dell‘abusivismo. Sulla suggestiva terrazza di Sant’Antonio a Posillipo, un uomo chiede di sposare la sua compagna con musica ad altissimo volume ed un gazebo privato che occupa il suolo pubblico.

La scena fa subito tornare alla memoria un altro evento successo in città solo pochi mesi fa. È passato pochissimo tempo infatti dalle discussioni nazionali sul matrimonio del cantante Tony Colombo. Un matrimonio che contrappose il privato al pubblico. Non di rado comunque ci sono concerti, serenate e feste (con tanto di palco), abusivi.

Questa volta il fatto è ancora più grave. La maggior parte di questi eventi accadono solitamente in quartieri popolari. Ieri è accaduto in una zona frequentatissima da giovani napoletani e turisti. In realtà già la zona di per sé vive nell’illegalità con una schiera di parcheggiatori abusivi.

Anche il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli  è intervenuto sulla questione. Queste le sue parole: “Hanno segnalato un video che mostra il momento di una proposta di matrimonio presso il belvedere di Sant’Antonio a Posillipo. Gli organizzatori si sono appropriati, in maniera ovviamente abusiva, di un’intera area del belvedere, allestendo addirittura uno stand, con tanto di musica a volume altissimo. Purtroppo continuiamo a registrare episodi di appropriazione indebita di suolo pubblico in occasioni private. In questo caso gli organizzatori hanno addirittura messo su un gazebo. Tra l’altro tutto ciò è avvenuto in un luogo che viene continuamente violato da parcheggiatori abusivi, baby gang a bordo di motorini e altri fenomeni di illegalità.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più