Sparano all’impazzata a Piazza Trieste e Trento, arrestate 3 persone. Chi sono

Napoli – Scattata la custodia cautelare per tre uomini ritenuti i responsabili dell’agguato a Piazza Trieste e Trento dello scorso settembre.

Durante l’agguato del 23 settembre 2018 è rimasto ferito ad una gamba tale Gennaro Marzio. Secondo la squadra mobile questa persona sarebbe affiliata al clan Saltalamacchia. Questo clan è una delle famiglie dominanti che operano nei Quartieri Spagnoli.

I tre indiziati invece appartengono al clan Elia, la famiglia che primeggia al Pallonetto di Santa Lucia. Piazza Trieste e Trento è la linea di confine tra le due zone, e non di rado si trasforma in un’area pericolosa ed abbandonata a se stessa.

I nomi dei tre corrispondono a quelli di Domenico Russo (già detenuto per un altro agguato nella stessa zona), Simone Aldobrandi e Salvatore Puggillo. Tutti già pregiudicati.

LEGGI ANCHE
Afragola, imprenditore ucciso in auto: la mano della camorra sulla TAV

Per quanto riguarda Domenico Russo invece, porta con sé una vendetta. Già perché il ragazzo di 19 anni è il nipote dell’omonimo Domenico Russo ucciso nel 1999 ai Quartieri Spagnoli dal Clan Di Biase. Il nonno, detto Mimì dei cani, contendeva il primato dei Quartieri proprio con il clan Di Biase, famiglia storica della camorra.

I tre inoltre rispondono anche alle accuse di detenzione e porto illegale di due pistole e di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio (82 grammi di marijuana, 61 di hashish e 46 di cocaina). Dagli accertamenti balistici della polizia scientifica ha rinvenuto che una di queste pistole è stata l’arma con cui Gennaro Marzio è stato colpito lo scorso 23 settembre.

LEGGI ANCHE
Giunge anche a Napoli la Fiat Cinquecento "PRESEPE"

Come già detto la piazza non è nuova a questo genere di cose. Anche a Marzo ci fu un raid che fortunatamente non provocò danni a persone. La speranza però è quella che aumentino i controlli per rendere più vivibile una delle zone più belle della città.

Potrebbe anche interessarti