L’esterno dell’Orto Botanico è una discarica abusiva: regnano puzza e blatte

orto 3
foto di Stefano Colasurdo

Napoli – L’emergenza rifiuti ha invaso anche l’esterno dell’Orto Botanico. Il giardino è infatti intrappolato dai rifiuti di Via Michele Tempone. Si sente puzza di marcio e c’è il rischio che vengano incendiati dei copertoni di auto causando gravi danni permanenti al verde dell’orto.

Straziante è la parola più adatta per spiegare quello che sta accadendo all’esterno del piccolo paradiso verde di Napoli centro. Gomme di automobili, frigoriferi, materassi, spazzatura sulle scale ed in giro lungo tutto il perimetro laterale del giardino.

La puzza è tantissima. L’aria è irrespirabile. Tra i passanti c’è chi si mette una mano davanti la bocca, o si copre con un fazzoletto per evitare di respirare.

orto 4
foto di Stefano Colasurdo

Un pugno al cuore se consideriamo che tutto questo avviene nell’unica oasi alberata dell’area. Potrebbe contaminare gli storici alberi e le piante secolari che sono presenti all’interno. Tra l’altro durante questa estate, l’orto si è reso protagonista di una bellissima rassegna teatrale. Doveva essere tenuto il più curato possibile.

Questa volta però la colpa non è delle autorità competenti, perché in realtà i cassonetti vengono ripuliti ogni notte regolarmente. Il problema sta in tutto quello che c’è fuori dai cassonetti perché un normale camion dell’immondizia non può raccogliere questi materiali, soprattutto i copertoni di automobili che sono altamente infiammabili e possono provocare gravissimi danni ambientali.

A tutto questo si aggiungono degli sciami di mosche che durante tutto il giorno  ronzano sempre attorno a queste carcasse e la sera la presenza delle tanto temute blatte.

orto 1
foto di Stefano Colasurdo

Insomma l’orto botanico è un patrimonio della nostra cultura, è uno strumento importantissimo per gli studenti della facoltà di Biologia e Botanica, fa bene ai residenti sprigionando ossigeno. Eppure la colpa è dei residenti e non che gettano senza amor verso la propria città rifiuti di tutti i tipi. I napoletani stanno arrivando allo stremo delle forze e della fiducia, anche a Ercolano nella notte ci sono state delle proteste.

Speriamo che i cittadini possano capire che la loro città va trattata come la propria casa perché c’è bisogno del sostegno ed il supporto di ognuno.

Potrebbe anche interessarti