Whirlpool, Di Maio mantiene la promessa e stanzia 17 milioni. La società: “Sono pochi”

whirlpool

Nella giornata di oggi è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale un decreto che stanzia 16.9 milioni a favore dello stabilimento Whirlpool di Napoli, che da mesi ha annunciato una crisi da superare attraverso una chiusura o una riconversione. Il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Gennaro Saiello ha così commentato il decreto:

La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto che stanzia 16,9 milioni a favore del gruppo Whirlpool è l’ennesima prova di lealtà del Governo del Movimento 5 Stelle e del ministro Luigi Di Maio. Il decreto è uno dei punti dell’accordo in fase di studio nel corso dei tavoli al Mise tenutisi nei mesi scorsi. Un accordo finalizzato a salvaguardare lo stabilimento e i livelli occupazionali dello stabilimento di Napoli.

“A quei tavoli c’è sempre stata una rappresentanza del management Whirlpool, assieme a cui sono state affrontate le diverse soluzioni per il rilancio produttivo del sito di Napoli. Il Governo la sua parte l’ha fatta e la sta facendo. Dall’azienda ci aspettiamo, da ora in avanti, un nuovo piano industriale che come Governo, come abbiamo più volte ribadito anche alla stessa dirigenza, siamo pronti a sostenere mettendo in campo ogni iniziativa possibile.

La Whirlpool è già venuta meno all’intesa di ottobre e non consentiremo che ne rinneghi un altro. I lavoratori del sito Napoletano rappresentano un’eccellenza per il nostro territorio che vogliamo salvaguardare. Così come abbiamo il dovere di tutelare l’intero indotto che ruota attorno alla produzione di qualità dello stabilimento di via Argine“.

Come riporta Ansa, però, il decreto sulle crisi aziendali sembra non essere sufficiente a garantire il profitto dello stabilimento di Napoli. Questo il commento dell’azienda stessa in merito: “Interventi non sufficienti a garantire la profittabilità dello stabilimento di Napoli nel lungo periodo e la competitività di Whirlpool nella Regione Emea (Europa, Medio Oriente e Africa)“.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più